Strage di Stato - il Centro Tirreno - Quotidiano online
Il sito "il Centro Tirreno.it" utilizza cookie tecnici o assimiliati e cookie di profilazione di terze parti in forma aggregata a scopi pubblicitari e per rendere più agevole la navigazione, garantire la fruizione dei servizi, se vuoi saperne di più leggi l'informativa estesa, se decidi di continuare la navigazione consideriamo che accetti il loro uso.
13
Dom, Giu

Strage di Stato

Strage di Stato

Il senso della vita
Typography
  • Smaller Small Medium Big Bigger
  • Default Helvetica Segoe Georgia Times

Io so che da un albero al vento pendetti,
per nove notti intere,
ferito da una lancia e immolato a Odino,
io stesso a me stesso,
su quell’albero che nessuno sa
da quali radici nasca.

Pane nessuno mi dette, né coppa per bere;
io giù guardai:
raccolsi le rune, doloranti le presi:
e giù caddi di là.

Così recita l’Hávamál vv. 600-609.

Strage di Stato
Strage di Stato

 

Con un sacrificio si ricevono le rune, alfabeto e sapere poetico sapienziale...
Per apprendere, crescere occorre anche soffrire, staccarsi da un mondo illusorio, falsato. Per crescere occorre prendere consapevolezza, coscienza e divenire individui.
Una società sana è una società composta da individui consapevoli, forti, coraggiosi, colti...

La conquista di una reale individualità è un fenomeno culturale, un processo di individuazione basato sull’intenzionalità. Colui che crede reale l’illusione di identità fornita dalla società, e rinuncia al processo intenzionale di individuazione, diviene un automa al servizio della società; anche se sa leggere e scrivere, e perfino usare strumenti tecnologici sofisticati, non si può dire che appartenga all’orizzonte della cultura, se non in senso meramente antropologico. L’eccezione di cultura, corrente dell’antropologia culturale, è allargata fino a significare la spiegazione del mondo e le norme di comportamento che ogni società trasmette ai membri che la compongono. In campo filosofico l’idea di cultura viene svincolata dai falsi valori del conformismo e posta in relazione con la Sapienza; quindi con la capacità di esperienza, e la possibilità della sua trasformazione in consapevolezza.

Per prendere visione della realtà occorre sforzo, occorre impadronirsi dei nostri apparati sensori e cognitivi che spesso lasciamo dormienti...

VIDEO: Presentazione libro: "Strage di Stato". Con Pasquale Bacco e Angelo Giorgianni.

Vi presentiamo oggi il video intervista fatto a Pasquale Bacco, esperto di medicina legale. Docente a contratto presso corsi di Laurea, Scuole di Specializzazione e Master Universitari. Collabora con varie Procure a supporto delle indagini. Da 25 anni si occupa di ricerca sui microrganismi: virus RNA (HIV: AIDS, HCV/ epatite c), virus oncogene (cancro) ed Angelo Giorgianni, magistrato dal 1977, in prima linea nella lotta alla criminalità dei colletti bianchi e mafiosa. È stato Senatore, Sottosegretario di Stato per il Ministero dell’ Interno, Rappresentante dell’Italia e l’ue al Segmento onu dedicato alla lotta contro il narcotraffico e criminalità organizzata, Componente della Difesa e Giustizia del Senato e della Commissione Parlamentare d’Inchiesta sul terrorismo in Italia, Presidente della Commissione di Valutazione dei Dirigenti del Ministero della Giustizia, sul loro libro: Strage di Stato.

Abbiamo deciso di dare voce a quelle voci che i giornali e le tv non menzionano, tralasciano o criticano aspramente.
Ci sembra che cultura voglia dire innanzi tutto coltivazione di se stessi e per coltivarci dobbiamo sapere in che modo. La Salute si trova in una mente ed in un corpo sano.
Fare cultura vuol dire invitare, sollecitare a pensare e riflettere affinché l’individuo, il singolo possa scegliere come agire in base alle proprie idee e motivazioni intime.
Abbiamo perciò deciso di dare voce alle voci che dicono che ciò che sta verificandosi non va bene, alle voci che denunciano una Strage di Stato affinché il singolo venga chiamato a riflettere ed ad agire in maniera non sconsiderata, ma in base al proprio credere.

Nella prima parte del nostro video si parlerà del vaccino, nella seconda della nostra libertà...
Fare cultura in un paese libero vuol dire promuovere il confronto, il ragionamento, la dove questo non può avvenire significa che la libertà non vi è...
È un’esortazione da parte del mondo di Eumeswil a riflettere, è un invito a pensare da che parte stare in una realtà frantumata... Non solo l’io è frantumato, ma anche il nostro mondo. Attualmente assistiamo a due voci contrastanti riguardo alla realtà generale, abbiamo tre tipi di credenti cattolici: tradizionalisti, chi riconosce l’attuale Papa, chi il precedente...

Abbiamo poi uno Stato? Uno Stato che ci tutela da buon Padre di famiglia? Sicuramente non è il compito di Eumeswil stabilirlo, ma di tutti quei magistrati che trovano a dover fare i conti con denunzie su denunzie per gli avvenimenti inquietanti non solo di sempre, ma soprattutto dal 2020...

Ma se la mucca è considerato animale sacro in India, presso gli antichi Egizi e nella mitologia nordica, per noi contemporanei il corrispettivo è nutrire disprezzo per tale animale ed il fenomeno della così detta "mucca pazza” lo mette in evidenza. L’Auri sacra fames produce metodi di allevamento che conducono alla patologia nota con il nome di encefalite spongiforme, e quindi alla morte di coloro che si nutrono del povero animale. Un segno terribile dello stato in cui versa la civiltà occidentale, e del suo rapporto criminoso von la natura  ma questo rapporto criminoso non è l’unico presente...

Vi sollecitiamo ad ascoltare il video, a leggere il libro!

Sarà interessante sapere che in Italia, in questo momento, vi sono 16 task force che si occupano del nostro bene! Dite la verità, o voi che leggete, ve ne eravate resi conto... Eccome...!!!
Vi chiediamo, inoltre, se siete soddisfatti della nuova normalità a cui dobbiamo adattarci...
Interessante sarebbe sapere il vostro parere...

Per l’homo sapiens contemporaneo che vive il presente talvolta si trova a pensare che l’ Homo sapiens insipiens non sembra in fase di declino, anzi, tutti i segni dei tempi in cui viviamo portano a ritenere che sia in espansione; che poi tale espansione conduca a una distruzione dell’ Homo sapiens, questo è un altro discorso (Cfr. M. de Corte, Fenomenologia dell’autodistruttore, Torino, 1967). Poiché il fenomeno in oggetto si configura come espressione antropologica di una realtà transpolitica, che influenza pesantemente la vita quotidiana, nel senso che l’ homo sapiens insipiens arreca fastidio e danno al prossimo suo come a se stesso, si avverte il bisogno, da parte di coloro che rimangono ancorati ad una convenzione non oclocratica del postmoderno, di elaborare se non una scienza un’arte della sopravvivenza, che permetta di difendere il proprio modo di essere nel mondo. Per venire incontro a una diffusa esigenza si possono indicare in letteratura quattro possibili metodi di confronto -suggeriti da Gianni Vannoni -con l’homo sapiens insipiens, che sono il punitivo, il diplomatico, l’elusivo, il mimetico.

Il metodo punitivo è esemplificato nel Lemmonio Boreo di Ardengo Soffici e per praticarlo può tornare utile un nodoso bastone, simile all’asso delle carte napoletane.
Il Gattopardo del principe Tomasi di Lampedusa presenta una celebre esemplificazione del metodo diplomatico, per il quale risulta opportuno dotarsi di uno smagliante sorriso e di un discorso tautologico.
Leggendo Eumeswil di Ernst Jünger si scorge il metodo elusivo nella figura dell’io narrante Manuel Venator; questo metodo è relativamente semplice ed efficace, poiché si basa sull’organizzazione di uno spazio supplementare e alternativo.

La celeberrima Primula Rossa della baronessa Orczy è il campione del metodo mimetico, e per imitarlo è necessario, ma non sufficiente, un bel vestitino alla moda, che ti calzi a pennello.
C’è molto da imparare in questi modelli letterari, tuttavia il processo interattivo di confronto con l’homo sapiens insipiens si presenta in contesti differenti, determinati dalle mutevoli circostanze della vita; e non è quindi trasponendo meccanicamente un modello, che si può far fronte alla situazione data; occorre piuttosto affidarsi alla ragione vitale per comprendere il caso particolare nella sua concretezza, e comportarsi di conseguenza: lo impari vivendo e lottando, ma nessuno se vincerai ti farà un monumento, ma potrai cercare di vivere sereno nel tuo animo ed appagato riconoscendo nel tuo intimo il vero senso da dare alla vita libero dai condizionamenti imposti dalla società massificante odierna.

 

 

Leggi anche: Associazione Eumeswil

 


 L'ASSOCIAZIONE #EUMESWIL​ è un’associazione culturale non-profit, sorta a Firenze e Vienna con lo scopo di studiare e diffondere l’opera, il pensiero e lo stile esistenziale di #ErnstJünger​.

L’Associazione si fonda su tre pilastri:

CULTURA - Intesa come coltivazione di sé.

TRADIZIONE - Come l'eredità spirituale dei nostri antenati.

RETTITUDINE - Come modo di essere e non di apparire.

Visita il Sito: Associazione Eumeswil