La Madonna, filo diretto verso il miracolo e verso Dio - il Centro Tirreno
Il sito "il Centro Tirreno.it" utilizza cookie tecnici o assimiliati e cookie di profilazione di terze parti in forma aggregata a scopi pubblicitari e per rendere più agevole la navigazione, garantire la fruizione dei servizi, se vuoi saperne di più leggi l'informativa estesa, se decidi di continuare la navigazione consideriamo che accetti il loro uso.
09
Gio, Dic

La Madonna, filo diretto verso il miracolo e verso Dio

La Madonna, filo diretto verso il miracolo e verso Dio

Il senso della vita
Typography
  • Smaller Small Medium Big Bigger
  • Default Helvetica Segoe Georgia Times

Sempre nella vita vi sono momenti di grande luminosità, gioia, slancio che si alternano a momenti bui, grigi, difficoltosi.

La Madonna Conestabile di Raffaello, dettaglio
La Madonna Conestabile di Raffaello, dettaglio

 

Un’alternanza che si arresta di tanto, in tanto, quando l’essere umano intraprende un cammino di consapevolezza esistenziale e desidera diventare padrone di se stesso, della sua interiorità e se pur già libero per nascita lo desidera realizzare a tutti gli effetti.

La prima limitazione e il primo danno che riceviamo in sorte e quello che noi stessi facciamo a noi stessi attraverso la nostra stoltezza, le nostre ansie, la nostra incomprensione di noi stessi, del mondo, degli altri ed i nostri automatismi.

Se il singolo non cresce, la collettività - insieme di molti singoli - non riesce ad edificarsi rettamente.

L’essere pensante riflette, si pone domande. L’intelligenza artificiale è priva di questi meccanismi del cervello: è programmata, segue e realizza l’istruzione ricevuta senza porre in dubbio e chiedersi se sia giusto, corretto, valido ciò che esegue e sopratutto per quale motivo stia agendo in quel modo, mosso sotto quale impulso o da chi…

Nel campo dell’interiorità nessuno può fare per altri.

Si narra, tramanda che il saggio, il maestro indichi il percorso, ma sicuramente non può intraprenderlo per noi.

Certamente il cammino interiore non desidera esseri fragili, ma desidera esseri coraggiosi, arditi che seguano l’esempio dei grandi, degli intraprendenti, delle eccellenze e non dei mediocri.

Sicuramente il cammino spirituale non è fatto per ebeti, cretini che si cibano di tivù lobotomizzante ricolma di dictat provenienti dal mondo politico, finanziario e totalmente scevra di cultura raffinata realizzata attraverso l'incontro di seri pensatori che civilmente si raffrontano per crescere e non per sfidarsi nell’arena dei leoni e dei gladiatori.

Il cammino dell’interiorità si sviluppa nel pieno riconoscimento della propria miopia, pochezza interiore e nell’avvertire che il mondo è permeato da bellezza, amore, bontà, consapevolezza, serenità, quiete, tolleranza, libertà, diversità.

La ricerca interiore verso un mondo che esiste, ma non si vede non coinvolge tutti, ma tutti coloro che si sentono facenti parte di un mistero ed avere avuto in dono una grazia: la vita e divengono desiderosi di trascorrerla ricercando se stessi, ma anche altro e spesso un oltre, rendendosi conto che l’inconsapevolezza consiste nella distrazione, nel non aver piena coscienza di quello che si fa, nel non ricordarsi di se stessi; infatti tutti gli esercizi ascetici o di qualsiasi altro tipo e natura, anche se praticati per lungi anni, sono inutili per chi abbia lo spirito e l’attenzione distratto e tardo. Così dice l’Onnisciente.

Per uccidere il dolore e conseguire il piacere si va errando nello spazio, ma se non si coltiva lo spirito arcano, vagabonderemo infelici all’infinito.

Chi voglia guardare le centinaia di dolori che accompagnano la vita, chi voglia estirpare i tormenti che affliggono le creature, chi voglia godere infinita felicità, non deve mai dipartirsi dal pensiero dell’illuminazione che può essere intesa in molteplici modi…

Il mondo di Eumeswil riconoscendo in questo momento storico, un momento che può essere considerato pericoloso e denso di enormi trasformazioni radicali, ha pensato di lavorare su: "Ancore e fari per un percorso luminoso sul sentiero dell’esistenza".

Alla persona che vive la vita come una scuola ogni avvenimento è materia di ricerca ed apprendimento, fonte di grande ricchezza.

Le ancore possono essere di varia natura, ci consentono di ormeggiare saldi, i fari anch’essi di vario tipo possono divenire la nostra stella polare per indicarci, quando ci sentiamo persi, la direzione verso cui dirigerci.

Incamminarsi verso la luce è un augurio che facciamo a chi legge, ma anche al genere umano tutto e che rivolgiamo a noi stessi.

Il primo esempio che porgiamo alla Vostra cortese attenzione è quello della Madonna filo diretto verso il miracolo, ma anche verso Dio. La Madonna, Regina del Cielo, dispensatrice di grazia, ponte verso Suo Figlio.

Non ci sentiamo di dire altro riguardo alla Madre Celeste perché talvolta anche il parlare può divenire superfluo. Preferiamo invitarvi ad ascoltare il video con Don Curzio Nitoglia ricco di rivelazioni fondamentali e suggerire a tutti noi di porci in silenzio, di cercare tempo e quiete, spazio interiore e contemplare, avvertire, sentire affluire una bellezza e un amore che trascende quello umano e che ci unisce, ci rende nelle nostre differenze simili, in quanto bisognosi di cure, di aiuto, di suggerimenti…

VIDEO. La Madonna, filo diretto verso il miracolo e verso Dio. Con Don Curzio Nitoglia

 

Leggi anche: Associazione Eumeswil

 


 L'ASSOCIAZIONE #EUMESWIL​ è un’associazione culturale non-profit, sorta a Firenze e Vienna con lo scopo di studiare e diffondere l’opera, il pensiero e lo stile esistenziale di #ErnstJünger​.

L’Associazione si fonda su tre pilastri:

CULTURA - Intesa come coltivazione di sé.

TRADIZIONE - Come l'eredità spirituale dei nostri antenati.

RETTITUDINE - Come modo di essere e non di apparire.

Visita il Sito: Associazione Eumeswil