Il Dott. Roberto Bizioli spiega come contrastare la parodontite, rischi e strategie per uscirne
Il sito "il Centro Tirreno.it" utilizza cookie tecnici o assimiliati e cookie di profilazione di terze parti in forma aggregata a scopi pubblicitari e per rendere più agevole la navigazione, garantire la fruizione dei servizi, se vuoi saperne di più leggi l'informativa estesa, se decidi di continuare la navigazione consideriamo che accetti il loro uso.
07
Mer, Dic

Il Dott. Roberto Bizioli spiega come contrastare la parodontite, rischi e strategie per uscirne

Immediapress
Typography
  • Smaller Small Medium Big Bigger
  • Default Helvetica Segoe Georgia Times

(Adnkronos) - Una malattia orale che può far cadere tutti i denti: “L’alimentazione influisce” 

Milano, 23 Novembre 2022.“La parodontite è una delle principali cause della perdita dei denti negli individui adulti”, spiega il Dott. Roberto Bizioli, dentista di rinomata fama, proprietario

dell’omonimo studio dentistico. “L’infezione che aggredisce l’intero cavo orale ed ha la capacità di erodere l’osso che mantiene i denti in posizione. Ecco perché è fondamentale sensibilizzare le persone sui rischi che corrono se non si rivolgono subito ad uno specialista”. 

Secondo alcuni studi ripresi dal Ministero della Salute, la parodontite colpisce all’incirca il 60% della popolazione italiana. All’interno di questa ingente fetta, circa il 10% dei pazienti affetti manifesta forme avanzate di infezione al cavo orale.  

Dottor Roberto Bizioli di Scordia: tenere d’occhio i dati  

“Particolarmente colpiti dalla parodontite sono gli adulti compresi nella fascia di età che va dai 35 ai 44 anni”, spiega il Dott. Bizioli, “ed è sintomatica di tutta una serie di gengiviti, patologie che riconoscono un’eziologia multifattoriale essenzialmente ascrivibile all’origine batterica con l’interazione di tre fattori principali: la suscettibilità dell’ospite, fattori ambientali, ed infine fattori comportamentali.” 

Solitamente, aggiunge il Dott. Bizioli, “è sempre preceduta da gengivite e quindi, se si previene quest’ultima, è possibile prevenire la ben più grave parodontite”. 

Di fronte alla parodontite, è necessario ricordare che il processo di caduta del dente è irreversibile e, proprio per il suo carattere di irreversibilità, è fondamentale avere alcune importanti delucidazioni inerenti a questa infezione. In questo caso, l’obiettivo principale per il professionista è quello di evitare fino ad arrestare la progressione della malattia riducendo al minimo fino allo zero percentile, la possibilità di caduta del dente.  

“L’intervento del professionista deve tenere conto dell’insorgenza di tutta una serie di causalità che contribuiscono alla caduta del dente: placche batteriche, placche batteriche sottogengivali, tartaro, mancanza di igiene periodica operata dal dentista, alimentazione, fattori locali come il diabete, solo per citarne alcune”. 

In questi termini, risulta dunque fondamentale affidarsi ad un professionista per ridurre a zero la possibilità di trovarsi di fronte ad una irreversibile caduta dei denti, e se questa già fosse in atto, coordinare tutta una serie di strategie affinché questo non avvenga. 

I consigli di Roberto Bizioli per prevenire la parodontite  

“La cosa fondamentale che l’individuo deve fare propria, non è tanto la conoscenza delle varie strategie che i dentisti hanno per evitare la caduta dei denti, quanto le piccole pratiche utili a far si che il cavo orale non abbia modo di esperire l’insorgere di una parodontite”, spiega il Dott. Roberto Bizioli.  

Se si è già affetti da parodontite è bene che a tavola vi siano alcune accuratezza da seguire alla lettera: “Evitare cibi croccanti perché potrebbero turbare ancor di più le gengive già oltremodo infiammate. Lo stesso vale per bevande gassate ed alimenti contenenti cioccolata e alti gradienti di zucchero, ai quali si aggiungono i cibi fritti e più in generale i cibi grassi.” 

“Prevenire la parodontite è cosa difficile ma non impossibile: al centro di una sana alimentazione ricca di vitamine e lontana dai grassi c’è l’attenzione del soggetto per una meticolosa cura personale del cavo orale da abbinarsi a visite periodiche dal proprio dentista di fiducia”, conclude il Dott. Roberto Bizioli, “solo così si potrà prevenire il peggio per l’apparato dentale di un soggetto affetto”.  

Responsabilità editoriale: TiLinko – Img Solutions srl 

Ho scritto e condiviso questo articolo
Author: Red AdnkronosWebsite: http://ilcentrotirreno.it/Email: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.