Kaspersky: il 16% degli utenti italiani di PC usa ancora il sistema operativo Windows 7 ormai alla fine del suo ciclo di vita - il Centro Tirreno - Quotidiano online
Il sito "il Centro Tirreno.it" utilizza cookie tecnici o assimiliati e cookie di profilazione di terze parti in forma aggregata a scopi pubblicitari e per rendere più agevole la navigazione, garantire la fruizione dei servizi, se vuoi saperne di più leggi l'informativa estesa, se decidi di continuare la navigazione consideriamo che accetti il loro uso.
22
Ven, Ott

Kaspersky: il 16% degli utenti italiani di PC usa ancora il sistema operativo Windows 7 ormai alla fine del suo ciclo di vita

Immediapress
Typography
  • Smaller Small Medium Big Bigger
  • Default Helvetica Segoe Georgia Times

Milano, 26 aprile 2021.Da una recente indagine (1) di Kaspersky è emerso che il 16% degli utenti italiani di PC sta ancora utilizzando il sistema operativo Windows 7, per il quale Microsoft ha interrotto il supporto a gennaio 2020. Quando un sistema operativo arriva alla fine del suo ciclo di vita, non vengono più rilasciati aggiornamenti dal fornitore, comprese le correzioni di sicurezza critiche.  

Nonostante il sistema operativo continui ad eseguire tutte le sue funzioni senza problemi, nel momento in cui il fornitore non offre più il suo supporto, può diventare vulnerabile agli attacchi. Quando i sistemi operativi raggiungono la fine del loro ciclo di vita, le vulnerabilità rimangono senza aggiornamenti patch offrendo ai cyber attaccanti un modo per ottenere l'accesso al sistema. Pertanto, per proteggere la rete aziendale, è fondamentale aggiornare il sistema operativo. 

In Italia, ad utilizzare ancora Windows 7, non sono solo gli utenti privati (circa il 13%) ma anche le PMI (22%) e le piccolissime imprese (17%). La percentuale di aziende che utilizza ancora un sistema operativo obsoleto è sconvolgente, soprattutto tenendo conto del fatto che spesso, queste aziende, non dispongono di staff IT dedicato e di responsabili della cybersecurity. Questo rende ancora più importante garantire che il loro sistema operativo venga aggiornato. Al momento, le aziende possono ancora ricevere un supporto esteso a pagamento per Windows 7 ma questo, oltre ad essere una spesa extra, è anche una opportunità momentanea ( 2) . 

Dai risultati dell’indagine di Kaspersky è emerso, inoltre, che in Italia solo una piccola percentuale (meno dell'1%) di persone e aziende utilizza sistemi operativi ancora più vecchi, come Windows XP e Vista, il cui supporto è terminato rispettivamente nel 2014 e nel 2017. Nel complesso, la percentuale di utenti e aziende che sta ancora utilizzando un sistema operativo Windows senza supporto è del 20% ( 3) . 

Fortunatamente, il 52% degli utenti italiani utilizza Windows 10, l'ultima versione del sistema operativo Windows, che sembra essere anche la scelta più sicura. 

"Aggiornare il sistema operativo per molti utenti può risultate una seccatura ma in realtà gli aggiornamenti hanno un’utilità che va oltre la correzione degli errori o l’attivazione di un'interfaccia più recente. La procedura, infatti, introduce correzioni per quei bug che consentono ai criminali informatici di accedere ai sistemi. Nonostante siano in tanti a credere che basti essere vigili durante la navigazione online, l'aggiornamento del sistema operativo è un elemento essenziale della sicurezza che non dovrebbe essere mai trascurato, indipendentemente dalla presenza di qualsiasi soluzione di sicurezza di terze parti. Se il sistema operativo è obsoleto, non può più ricevere questi aggiornamenti critici. Se parlassimo, ad esempio, di una vecchia casa fatiscente, cambiare solo la porta non servirebbe, la scelta più adatta sarebbe quella di trovare una nuova casa. Lo stesso atteggiamento è necessario quando si tratta di garantire la sicurezza del sistema operativo a cui, ogni giorno, si affidano i propri dati preziosi", ha commentato Oleg Gorobets, Senior Product Marketing Manager di Kaspersky.  

Per proteggersi non è sufficiente conoscere i rischi legati ad un sistema operativo obsoleto ma è necessario agire. Di seguito le raccomandazioni di Kaspersky: 

• Usare una versione aggiornata del sistema operativo e assicurarsi che la funzione di aggiornamento automatico sia abilitata. 

• Nel caso in cui non fosse possibile aggiornare il sistema operativo all'ultima versione disponibile, le organizzazioni dovrebbero considerare questo come un vettore di attacco e separare in modo intelligente i nodi vulnerabili dal resto della rete. In questi casi, Kaspersky Embedded Systems Security può fornire un valido supporto, in quanto permette il funzionamento di un OS obsoleto come Windows XP SP2, che gira su sistemi con specifiche molto basse. 

• Utilizzare soluzioni con tecnologie di prevenzione degli exploit, come Kaspersky Security Cloud, Kaspersky Endpoint Security for Business e Kaspersky Small Office Security, che aiutano a ridurre il rischio di sfruttamento delle vulnerabilità non patchate che possono essere trovate in OS obsoleti (Windows 7 e precedenti). 

(1)Kaspersky ha condotto uno studio basato su metadati OS anonimizzati forniti dagli utenti di Kaspersky Security Network che hanno fornito il loro consenso. 

(2) Secondo le FAQ sugli aggiornamenti di sicurezza estesi di MS, l'ultimo mandato dell'ESU terminerà nel 2023 

(3) Tra questi OS ci sono: Windows 7, Windows 8, Windows XP, Windows Vista 

 

Informazioni su Kaspersky  

Kaspersky è un’azienda di sicurezza informatica e digital privacy che opera a livello globale fondata nel 1997. La profonda competenza di Kaspersky in materia di threat intelligence e sicurezza si trasforma costantemente in soluzioni e servizi innovativi per proteggere le aziende, le infrastrutture critiche, i governi e gli utenti di tutto il mondo. L'ampio portfolio di soluzioni di sicurezza dell'azienda include la protezione degli Endpoint leader di settore e una serie di soluzioni e servizi specializzati per combattere le minacce digitali sofisticate e in continua evoluzione. Più di 400 milioni di utenti sono protetti dalle tecnologie di Kaspersky e aiutiamo 240.000 clienti aziendali a proteggere ciò che è per loro più importante. Per ulteriori informazioni: https://www.kaspersky.it/  

Seguici su: 

https://twitter.com/KasperskyLabIT  

http://www.facebook.com/kasperskylabitalia  

https://www.linkedin.com/company/kaspersky-lab-italia  

https://www.instagram.com/kasperskylabitalia/  

https://t.me/KasperskyItalia  

Contatto di redazione:  

Noesis  

Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.