Oro: trend al ribasso del prezzo ma il calo non durerà a lungo. Franco Favilla (Seasif): “Puntare sull’oro per tutelarsi dalla finanza speculativa.” - il Centro Tirreno - Quotidiano online
Il sito "il Centro Tirreno.it" utilizza cookie tecnici o assimiliati e cookie di profilazione di terze parti in forma aggregata a scopi pubblicitari e per rendere più agevole la navigazione, garantire la fruizione dei servizi, se vuoi saperne di più leggi l'informativa estesa, se decidi di continuare la navigazione consideriamo che accetti il loro uso.
25
Dom, Lug

Oro: trend al ribasso del prezzo ma il calo non durerà a lungo. Franco Favilla (Seasif): “Puntare sull’oro per tutelarsi dalla finanza speculativa.”

Immediapress
Typography
  • Smaller Small Medium Big Bigger
  • Default Helvetica Segoe Georgia Times

Milano, 4 giugno 2021 - La quotazione dell’oro è in flessione e la sua attrattività è colpita, in parte, dalle scommesse su una ripartenza economica più veloce del previsto. Secondo l’Union Bancaire Privée, però, il calo del prezzo non proseguirà. Se, infatti, la Fed dovesse

annunciare una politica di controllo della curva dei rendimenti dei bond americani per un lungo periodo, la quotazione dell’oro dovrebbe risalire senza subire ulteriori flessioni, e ciò anche grazie alla previsione nei prossimi mesi di un continuo indebolimento del dollaro.  

Diversi studi, inoltre, mostrano che negli anni in cui l’inflazione supera il 3%, i prezzi del metallo prezioso sono aumentati in media del 15% l’anno; e secondo diversi analisti, nonostante i recenti minimi, potrebbe verificarsi un ritorno della domanda da parte delle Banche Centrali, in quanto l’oro resta un asset valido da un punto di vista strategico, sia come fondo di sicurezza che per diversificare i portafogli in un contesto in cui il debito pubblico continua a crescere inesorabilmente.  

“Sul prezzo dell’oro c’è sicuramente una situazione di incertezza: alcune previsioni sono esageratamente ottimistiche, e parlano addirittura di un raggiungimento di valori impensabili fino a 1 anno fa, come 3 mila dollari l’oncia. Altre mi sembrano molto pessimistiche. In ogni caso, a prescindere dalla volatilità del mercato, e dalle variazioni di prezzo che possono verificarsi in un dato intervallo di tempo, il dato fondamentale è che il prezzo dell’oro nel corso del 2020 ha raggiunto i massimi storici, e questo fatto per l’economia mondiale rappresenta, secondo me, un’ottima notizia”, ha dichiarato Franco Favilla, Presidente e CEO di Seasif Holding, multinazionale presente in 12 Paesi del mondo, con un fatturato globale tra gli 800 e 900 milioni di dollari e terzo produttore di oro del Sud America.  

Secondo Franco Favilla e la Seasif prima del Covid le banche centrali puntavano a far passare l’idea che l’oro fosse qualcosa di non-necessario; ma la pandemia ha accelerato un orientamento già presente tra i risparmiatori: investire sulla solida certezza del lingotto.  

“Due sono i vantaggi fondamentali: l’oro è riconoscibile universalmente ed è frazionabile”, ha proseguito Franco Favilla. “Il principale problema dell’economia pre-Covid, infatti, era rappresentato dal carattere completamente arbitrario della finanza internazionale. Un tempo, a una tonnellata di oro corrispondeva una tonnellata di valuta, ma a partire dagli anni ’80, e con una velocità impressionante a partire dal 2000, il divario è aumentato enormemente,  

tanto che oggi il rapporto tra le valute mondiali e l’oro è enormemente sbilanciato: il totale delle riserve auree di tutto il mondo copre appena il 30% delle valute (e c’è chi dice anche meno). Questo significa che non c’è nulla a coprire e garantire il valore del denaro.  

Il denaro, insomma, si è trasformato in pura convenzione, puro accordo tra soggetti che agiscono al di sopra del mercato: basti pensare al fatto che le banconote di euro non hanno un numero progressivo, ma solo identificativo. L’oro, al contrario, garantisce la democrazia, perché tutela i risparmiatori e il mercato, offrendo un valore oggettivo su cui parametrare ogni transazione”. 

“La mia speranza”, ha concluso Franco Favilla, “è che la crisi causata dal Covid-19 contribuisca a cambiare la finanza, rendendola meno “fantasma” e più legata a una dimensione oggettiva, basata sull’oro, con vantaggi evidenti per l’economia reale”.  

Seasif è un gruppo multinazionale di società con sede a Nicosia, Cipro, che fornisce una sinergia di prodotti e servizi che soddisfano le esigenze degli investitori privati e istituzionali. Il conglomerato multinazionale è composto da società situate a Cipro, Italia, Francia, Svizzera, Stati Uniti, Colombia, Albania e Serbia, che lavorano in diversi settori come metalli preziosi (oro, argento), materie prime e combustibili, servizi assicurativi e gestione immobiliare 

Seasif Holding  

Themistokli Dervi  

48 Athienitis Centennial Building 

Office 101  

1066 Nicosia, Cyprus 

+357 223 306 16 

Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.