BRUNCH CHE PASSIONE! Nescafé festeggia i 30 anni del rituale più social di sempre - il Centro Tirreno - Quotidiano online
Il sito "il Centro Tirreno.it" utilizza cookie tecnici o assimiliati e cookie di profilazione di terze parti in forma aggregata a scopi pubblicitari e per rendere più agevole la navigazione, garantire la fruizione dei servizi, se vuoi saperne di più leggi l'informativa estesa, se decidi di continuare la navigazione consideriamo che accetti il loro uso.
18
Ven, Giu

BRUNCH CHE PASSIONE! Nescafé festeggia i 30 anni del rituale più social di sempre

Immediapress
Typography
  • Smaller Small Medium Big Bigger
  • Default Helvetica Segoe Georgia Times

Milano, 9 giugno 2021 - Sono passati 30 anni da quando Nescafé ha introdotto in Italia il rituale del brunch, un nuovo modo di vivere e assaporare il tempo che unisce colazione e pranzo creando il più libero e creativo modo di mangiare. Leader indiscusso nel campo del caffè solubile e simbolo di una società

cosmopolita, Nescafé è sempre stato attento alle nuove tendenze e a cogliere i trend emergenti, reinventandosi costantemente e diventando il simbolo di un modo di pensare differente, di uno stile di vita alternativo. 

Erano i mitici anni ’90, quelli che vedevano nascere e crescere la generazione metropolitana capitanata dal volto di Camila Raznovich che insieme a Nescafé raccontava un mondo fatto di amicizia e di condivisione. Ed è proprio in quegli anni che, sempre più affascinati dalle tendenze americane, i giovani vengono sedotti dal rito del caffè lungo di Nescafé e da un nuovo modo di mangiare, rivoluzionario e modaiolo, che più di tutti rappresenta le abitudini d’oltreoceano: il brunch. Simbolo di convivialità e leggerezza, il brunch esattamente come Nescafé, rappresenta il gusto di rallentare e sovvertire le regole, concedendosi al piacere della condivisione. 

Quello del brunch è diventato presto un fenomeno di costume che ha cambiato le abitudini nelle domeniche di molti italiani. Un trend diventato anche un libro-viaggio intitolato Storie di brunch, realizzato con la penna e i fornelli da Simone Rugiati, edito da Rizzoli e lanciato nell’ottobre del 2010. Un cooking-reportage di storie e ricette, di vita e ingredienti che ha voluto raccontare lo stile di vita più rivoluzionario e modaiolo di quegli anni. Un omaggio di Nescafé al brunch italiano con uno chef che incarnava perfettamente lo spirito del brand: giovane, informale e innovativo. 

A simboleggiare la leggerezza e la convivialità del brunch divenne presto l’iconica Red Mug Nescafé, nata nel 1967, oggetto must have da collezionare. Impugnarla e godersi un buon caffè, sorso dopo sorso, ha da sempre rappresentato il piacere di fermarsi ad assaporare la vita attivando nuove connessioni. Dagli anni ’90 ad oggi la Red Mug non ha mai perso il suo fascino e con lei il brunch: all’americana, all’italiana, vegetariano o fusion questo rito è rimasto di tendenza, un’alternativa culinaria ancora più sentita in questi mesi di isolamento forzato e di appiattimento della convivialità. 

Oggi il brunch da semplice trend di costume è diventato un vero e proprio stile di vita a tavola che vanta ammiratori di ogni età e provenienza. Questo incrocio fra la colazione e il pranzo, tipicamente servito in tarda mattina, è in forte crescita e il fenomeno del delivery, con una media di 2.500 ordini a settimana, ha contribuito alla nascita di una nuova re-love-ution del brunch all’italiana con proposte sempre più originali e creative accessibili a tutti. 

LO SAPEVATE CHE  

La parola nasce dall’unione di breakfast (colazione) e lunch (pranzo), una colazione iniziata così tardi che diventa pigramente un pranzo. 

Il rito del brunch è nato nell’Inghilterra vittoriana di fine Ottocento, nell’incantevole campagna inglese, dove giovani nobili e borghesi rampanti organizzavano grandi buffet nelle ville dopo le battute di caccia domenicali. L’usanza venne ripresa dallo scrittore Guy Beringer, che nel 1895 pubblicò l’articolo “Brunch: A Peal” sull’ Hunter’s Weekly, una rivista di appassionati di caccia. Fu lui a coniare ufficialmente il termine “brunch”. Beringer esaltava questa tradizione come un momento di allegria e socievolezza, “che mette di buon umore scacciando le preoccupazioni e le ragnatele della settimana”. 

Negli Stati Uniti, negli anni ’70, il brunch entra nel menù degli alberghi di New York per soddisfare i capricci di alcuni clienti che pretendevano un’abbondante colazione pur svegliandosi tardi. Negli anni ’80 si trasforma in un vero e proprio fenomeno di mondanità diffondendosi tra i broker di Wall Street, tra i creativi di Greenwich Village, tra gli skater di Central Park ed anche tra le famiglie del New Jersey. 

Diffusosi a macchia d’olio a livello internazionale grazie alla comodità di abbinare un pasto meno formale della colazione e del pranzo insieme alla possibilità di servirsi al buffet, il brunch si è trasformato nell’arco degli anni nel pasto principale della domenica, quando la gente si alza di solito più tardi e non ha voglia di aspettare il pranzo per mettere qualcosa sotto i denti, soprattutto dopo gli stravizi del sabato notte.  

FESTEGGIA CON NESCAFÉ  

Per celebrare il 30° compleanno del brunch, Nescafé e la sua iconica Red Mug saranno presenti nell’hub creativo BASE Milano con iniziative e appuntamenti speciali. 

Dal mese di giugno, tutte le domeniche, sarà possibile gustarsi il brunch Nescafé ideato e realizzato in collaborazione con BASE Milano e godersi un momento di convivialità e condivisione nel cuore di zona Tortona, a Milano.  

All’interno di un cortile dalle atmosfere post-industriali trasformato in verdeggiante piazzetta estiva, comodamente seduti ai tavoli del Bistro BASE, si potrà ordinare un menù speciale abbinato al caffè americano realizzato con Nescafé in grani, macinato fresco e filtrato con il classico sistema di estrazione percolato che ne esalta la dolcezza e l’acidità. Un bilanciamento perfetto per accompagnare il brunch domenicale.  

 

 

 

Per stimolare non solo il gusto ma anche cultura e creatività, durante l’anno verranno realizzati alcuni appuntamenti tematici molto originali, studiati per stupire e coinvolgere tutti i clienti. Dal laboratorio musicale (20 giugno) al tributo musicale con la selezione in vinile dei paesi della coffee belt (18 luglio), dal brunch Base Comedy previsto a settembre (9) ai Ludosofici (3 ottobre).  

L’iniziativa si inserisce nella programmazione di BASE Milano, hub creativo dedicato all’innovazione culturale e alla cross-disciplinarietà.  

Per saperne di più: 

Sunday Brunch al BASE - tutte le domeniche - dalle 12.30 alle 15.00 

Menu adulti 22 euro / Menu bambini 15 euro 

Per prenotazioni: 392 9977049 

BASE via Bergognone 34 - Milano  

Contatti per la stampa:  

Nestlé Italiana  

Barbara Desario, Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo. 

SEC Newgate  

Cinzia Ghilotti, Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo. - 347 7958520 

Valeria Croce, Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo. - 3398117695