GENECAST: inizia la ricerca clinica sulla diagnosi precoce del tumore al polmone con Samsung Medical Center - il Centro Tirreno - Quotidiano online
Il sito "il Centro Tirreno.it" utilizza cookie tecnici o assimiliati e cookie di profilazione di terze parti in forma aggregata a scopi pubblicitari e per rendere più agevole la navigazione, garantire la fruizione dei servizi, se vuoi saperne di più leggi l'informativa estesa, se decidi di continuare la navigazione consideriamo che accetti il loro uso.
25
Dom, Lug

GENECAST: inizia la ricerca clinica sulla diagnosi precoce del tumore al polmone con Samsung Medical Center

Immediapress
Typography
  • Smaller Small Medium Big Bigger
  • Default Helvetica Segoe Georgia Times

SEOUL, Corea, June 17, 2021 (GLOBE NEWSWIRE) -- il 14 giugno, GENECAST (CEO, SeungChan Baek), specialista nel campo della diagnostica del cancro mediante biopsia liquida, ha annunciato l’inizio di uno studio clinico per la diagnosi precoce del carcinoma polmonare non a piccole cellule (Non Small Cell Lung Cancer - NSCLC). Il

team sarà guidato dal professor Jhingook Kim nella divisione di chirurgia polmonare ed esofagea del dipartimento di chirurgia toracica del Samsung Medical Center. 

Questo studio valuta se i risultati dei test EGFR basati sulla biopsia liquida con la tecnologia Allele-Discriminating Priming System (ADPS) di GENECAST rappresentano i risultati dei test EGFR sul DNA del tessuto tumorale. Questo studio è particolarmente significativo per l’identificazione degli effetti clinici della biopsia liquida sulla diagnosi precoce del cancro, dato che coinvolge pazienti con tumore agli stadi da 1B a 3A. 

Ad oggi, gli effetti clinici della biopsia liquida praticata a pazienti affetti da tumore al polmone sono stati principalmente oggetto di ricerca con particolare enfasi sul tumore al polmone con diffusione metastatica attraverso il torrente ematico. Gli attuali studi focalizzati sulla possibilità di rilevare le mutazioni del gene EGFR prima dell’intervento chirurgico in pazienti con cancro al polmone ritenuto resecabile in quanto non diffuso metastaticamente per via ematica , sono tuttora limitate, poiché la loro conduzione risulta complessa. 

Negli ultimi anni, a livello globale sono state avviate varie discussioni per valutare la possibilità di effettuare ricerche sulla somministrazione pre-operatoria degli inibitori del gene EGFR per il carcinoma polmonare allo stadio iniziale resecabile. Questo perché si prevede che la somministrazione di tali inibitori in questa fase non solo consentirà l'intervento chirurgico bloccando la diffusione dei tumori nelle fasi iniziali e riducendone le dimensioni, ma aumenterà anche l'effettivo tasso di sopravvivenza dei pazienti. Inoltre, somministrare farmaci prima dell'intervento chirurgico risulta più semplice. L'uso degli inibitori di EGFR deve essere preceduto da una diagnosi di mutazioni del gene EGFR, ma le biopsie tradizionali spesso implicano rischi elevati o non sono possibili a causa della localizzazione del tumore nel polmone. 

Se gli effetti clinici della biopsia liquida con tecnologia ADPS dimostreranno che questo metodo diagnostico è in grado di rilevare un NSCLC allo stadio iniziale, ci si aspetterà pertanto un impegno più attivo nella ricerca sulla somministrazione di inibitori di EGFR in questi pazienti allo stadio iniziale. 

Byungchul Lee ph.D, Chief Technical Officer (CTO) di GENECAST, ha commentato: "Con la recente approvazione della FDA di Osimertinib come terapia adiuvante per il NSCLC, la diagnosi precoce di questo cancro mediante la biopsia liquida è tornata al centro dell’attenzione. Se la biopsia liquida è in grado di diagnosticare non solo il carcinoma polmonare metastatico, ma anche il cancro al polmone allo stadio iniziale operabile, è probabile che migliorino i tassi di sopravvivenza dei pazienti con NSCLC". 

Il professor Jhingook Kim, specialista nel campo del carcinoma polmonare presso il dipartimento di chirurgia toracica del Samsung Medical Center, ha espresso le sue aspettative in merito a questo studio: "Lo studio è molto significativo in termini di identificazione degli effetti della biopsia liquida nei pazienti allo stadio iniziale che prendono in considerazione la chirurgia resettiva per un recupero completo, ma non nei pazienti con metastasi sistemiche. A seconda dei risultati, è probabile che vengano condotti studi di follow-up sull'uso della biopsia liquida nella diagnosi precoce del cancro". 

# Panoramica di GENECAST  

GENECAST è specializzata nella  diagnostica del cancro mediante biopsia liquida  per l’analisi dei geni tumorali. Questa azienda ha raggiunto lo 0,01% della sensibilità di rilevamento effettiva e la massima sensibilità dello 0,0001% con la propria tecnologia originale denominata ADPS. ADPS è una tecnologia basata sulla Polymerase Chain Reaction quantitativa (qPCR) che offre test più semplici e rapidi rispetto ad altri metodi diagnostici basati sulla biopsia liquida. Tale metodica, consente l'analisi dei geni tumorali nei pazienti affetti da cancro allo stadio 1 con la più elevata sensibilità di rilevamento attualmente disponibile. 

GENECAST opera in diversi campi, tra cui la medicina di precisione, la commercializzazione di LDT e i relativi test diagnostici basati sulla tecnologia ADPS. GENECAST è dedicata allo sviluppo di nuove tecnologie in grado di eseguire una diagnosi precoce in base al tipo di cancro. 

Ulteriori informazioni sono disponibili all'indirizzo www.igenecast.com. 

Contatti:  

Soobin ShinUfficio stampa GENECASTTel.: +82-2-2157-3151E-mail: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo. 

Una foto a corredo di questo comunicato stampa è disponibile all’indirizzo  

https://www.globenewswire.com/NewsRoom/AttachmentNg/aaa46265-aa4b-44ec-8b68-4ff87636d2ff/it