Tassazione plusvalenze e capital gain, finalmente si compensera’ tutto? - il Centro Tirreno - Quotidiano online
Il sito "il Centro Tirreno.it" utilizza cookie tecnici o assimiliati e cookie di profilazione di terze parti in forma aggregata a scopi pubblicitari e per rendere più agevole la navigazione, garantire la fruizione dei servizi, se vuoi saperne di più leggi l'informativa estesa, se decidi di continuare la navigazione consideriamo che accetti il loro uso.
23
Gio, Set

Tassazione plusvalenze e capital gain, finalmente si compensera’ tutto?

Immediapress
Typography
  • Smaller Small Medium Big Bigger
  • Default Helvetica Segoe Georgia Times

Milano, 30 giugno 2021. Il tema della tassazione delle rendite finanziarie come più in generale del fisco italiano è un vero rompicapo perché la normativa è particolarmente intricata, di difficile comprensione e soprattutto abbastanza iniqua. 

Entro il 31 luglio 2021 dovrebbe essere licenziata dal

parlamento italiano una riforma del fisco e nelle audizioni e discussioni che si svolte in queste settimane si è parlato anche del tema della tassazione delle rendite finanziarie e di una revisione del capital gain abolendo la distinzione fra “redditi di capitale” e “redditi diversi” che è una follia italiana.  

Nell’ultima LetteraSettimanale.it di SoldiExpert SCF, società fra le prime in Italia a sposare la consulenza finanziaria indipendente ed essere iscritta all’Albo apposito (un obbligo per chi svolge questa attività fornendo consigli personalizzati a piccoli e grandi investitori) Salvatore Gaziano, responsabile delle strategie d’investimento, consulente finanziario indipendente fra i più conosciuti in Italia, ha toccato il tema della tassazione delle rendite finanziarie perché in Parlamento se ne sta parlando e magari potrebbe essere la volta buona per una revisione significativa.  

Oggi il sistema tributario italiano in base ai differenti strumenti finanziari e ai tipi di redditi generati ha stabilito una serie di compensazioni possibili (e soprattutto non) che di fatto rendono nettamente superiore al 26% il livello di tassazione delle rendite finanziarie seppure in modo subdolo poiché un investitore può facilmente essere nella posizione di scoprire che buona parte delle minusvalenze che ha accumulato non sono recuperabili. 

La plusvalenza, detta anche capital gain, si verifica teoricamente solo nel momento in cui si vende, o si viene rimborsati, e a un prezzo superiore rispetto a quello di acquisto. 

“Nella pratica in Italia nel caso delle gestioni patrimoniali o dei fondi pensione – spiega Salvatore Gaziano, consulente finanziario indipendente, si tassa anche il maturato e sono diverse le aberrazioni. Non tutte le minusvalenze sono compensabili con tutte le plusvalenze ottenute e viceversa”. 

Nella prima bozza della proposta parlamentare sulla riforma fiscale italiana Draghi (dove è stato molto importante il contributo di Carlo Cottarelli) sono scritte delle cose molto interessanti seppure sia bene dire che mentre i partiti sono d’accordo sui principi, sul come ottenere il risultato le strade divergono e lo stesso Cottarelli non è molto fiducioso al momento che la riforma fiscale Draghi prenda il volo. 

A parole c’è, infatti, coesione sul fatto che occorre alleggerire la pressione fiscale che grava sugli italiani fra le più alte al mondo e che colpisce soprattutto i redditi medi (chi in Italia denuncia fra i 28.000 e i 55.000 euro come aliquota quanto gli americani pagano su redditi sopra i 435.000 dollari). 

Tra le proposte in discussione c’è anche il taglio dell’aliquota delle rendite finanziarie, da allineare alla prima aliquota Irpef, oggi è al 23% contro le attuali tre aliquote di tassazione (12,50 per i titoli di stato , 20% per i fondi pensione e 26% per il resto). Attualmente il fisco chiede il 26% (tre punti in più) sui capital gain. E in questo modo verrebbero assimilati ai «redditi finanziari» tutta una serie di introiti in modo da unificare «redditi da capitale» e «redditi diversi», oggi tassati in maniera difforme in Italia (una distinzione non presente all’estero) con l’effetto, come spieghiamo da anni, di creare “figli” e “figliastri” e distorsioni pazzesche. Come, per esempio, non consentire il recupero delle minusvalenze di ETF e Fondi salvo non compensarle con guadagni su azioni o obbligazioni in conto capitale e aver regalato ai “certificati” un vantaggio totalmente immeritato visto che si tratta di un prodotto “pacco” che sfrutta oltre a questo vantaggio il fatto di fare leva sulla scarsa capacità di fare di conto di molti risparmiatori italiani e tosare loro così un bel po’ di commissioni a loro insaputa. 

Entro il 31 luglio quando secondo il crono-programma del PNRR dovrebbe essere licenziata dal parlamento italiano la riforma del Fisco, capiremo se questa revisione sarà realtà o è solo “ammuina”, ma già vedere finalmente che dei parlamentari si rendano conto della follia dell’attuale sistema è già una soddisfazione visto che questo tema eravamo fra i pochissimi a sollevarlo da anni, mentre molti degli addetti ai lavori si giravano dall'altra parte. 

Al tema della tassazione come di tutta la pianificazione patrimoniale SoldiExpert SCF come società fondata e detenuta esclusivamente da consulenti finanziari indipendenti da sempre pone particolare attenzione (è stata scritta nel passato anche una guida dedicata) anche perché una gestione attenta di questi aspetti (in Italia non irrilevanti) può contribuire a migliorare nel tempo la gestione del proprio portafoglio in modo anche significativo e per questa ragione il team di SoldiExpert SCF nel primo check up gratuito che fornisce come poi nell’eventuale asset allocation consigliata valuta anche come cercare di ottimizzare se c’è spazio questa parte. E valutando naturalmente costi e benefici poiché l’esperienza insegna che molti risparmiatori in questi anni sono stati consigliati da banche e reti di promozione finanziaria a sottoscrivere prodotti o veicoli (tipo alcune unit linked) mangiasoldi che nonostante le promesse non potranno quasi mai ripagarsi visto che il presunto vantaggio fiscale è annullato totalmente dai costi. 

CHI È SOLDIEXPERT SCF  

Fondata da Roberta Rossi e Salvatore Gaziano, consulenti finanziari autonomi, SoldiExpert SCF è una delle principali società di consulenza finanziaria (SCF) indipendente a livello nazionale. Iscritta all’Albo OCF SoldiExpert SCF è una società che fornisce esclusivamente consulenza su base indipendente (e anche sul fronte in-formativo sul proprio blog, su YouTube e sul proprio canale podcast, RadioBorsa) ha scelto di essere coerente con questa missione. Vanta una clientela presente in tutta Italia e assiste risparmiatori e investitori con patrimoni di ogni tipo (da famiglie private, imprenditori e manager a gestioni patrimoniali per conto di banche nazionali) ed è in grado grazie al proprio Ufficio Studi e all’esperienza accumulata di fornire consulenza patrimoniale per ogni esigenza (una tantum, continuativa) e obiettivo (portafogli d’investimento, consulenza gestioni patrimoniali, analisi finanziaria e portafogli self-service, check up portafogli, previdenza e pianificazione patrimoniale e successioni).  

Per maggiori informazioni:  

Salvatore Gaziano Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.  

Roberta Rossi Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.  

Risorse:  

>>> Conferenza Asset Allocation: aaa2021.soldiexpert.com  

>>> Iscrizione Lettera Settimanale: lettera.soldiexpert.com  

>>> Radio Podcast: radioborsa.com  

>>> canale YouTube: youtube.com/SoldiExpert  

>>> canale Patreon: patreon.com/soldiexpertlab  

Contatti SoldiExpert SCF:  

E-mail: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.  

Numero Verde 800.03.15.88 

sito SoldiExpert SCF: soldiexpert.com