Keyless diventa il primo fornitore al mondo a ottenere sia la certificazione FIDO Biometrics che la certificazione FIDO2
Il sito "il Centro Tirreno.it" utilizza cookie tecnici o assimiliati e cookie di profilazione di terze parti in forma aggregata a scopi pubblicitari e per rendere più agevole la navigazione, garantire la fruizione dei servizi, se vuoi saperne di più leggi l'informativa estesa, se decidi di continuare la navigazione consideriamo che accetti il loro uso.
24
Lun, Gen

Keyless diventa il primo fornitore al mondo a ottenere sia la certificazione FIDO Biometrics che la certificazione FIDO2

Immediapress
Typography
  • Smaller Small Medium Big Bigger
  • Default Helvetica Segoe Georgia Times

La doppia certificazione convalida l'impegno di Keyless per garantire una maggiore privacy e sicurezza, agevolando al contempo l'esperienza dell'utente online  

LONDRA, 24 agosto 2021 /PRNewswire/ -- Keyless Technologies, l'azienda impegnata nella protezione della privacy e dell'identità, annuncia oggi la certificazione

FIDO2 per la sua tecnologia di biometria proprietaria. Questa certificazione avviene a pochi mesi di distanza da quando Keyless è diventata uno dei soli sette fornitori a livello globale a ricevere la certificazione FIDO Biometrics, confermando che la tecnologia di riconoscimento facciale di Keyless soddisfa gli standard del settore per la verifica degli utenti e l'accuratezza del rilevamento. L'ottenimento di entrambe le certificazioni (biometrics e FIDO2) conferma che il software di autenticazione biometrica di Keyless soddisfa i più elevati standard globali per l'autenticazione e rende Keyless unica in un mercato che richiede sempre più sicurezza, privacy e interoperabilità fondamentale, semplificando e migliorando al contempo l'esperienza dell'utente. 

La tecnologia di autenticazione biometrica di Keyless consente alle organizzazioni di implementare soluzioni di autenticazione senza password e multi-fattore. La tecnologia proprietaria elimina la necessità di archiviare e gestire informazioni sensibili, consentendo alle organizzazioni di proteggere i propri utenti con un'unica e semplice azione, grazie a un'esperienza utente rapida e intuitiva. La tecnologia combina biometria multimodale con crittografia avanzata, sfruttando un'architettura cloud distribuita. Grazie alla modalità con cui Keyless sfrutta queste tecnologie, la privacy viene preservata e i requisiti dell'utente e normativi, come GDPR e PSD2, non solo vengono rispettati, ma superati. Ciò incide notevolmente non solo sui dipendenti, ma anche sulle organizzazioni che si affidano a una solida autenticazione dei clienti in aree come il mobile banking e i pagamenti. 

Inoltre, non è necessario fare affidamento sull'hardware o sul sistema operativo del dispositivo, il che significa che le organizzazioni possono innovare e implementare le proprie applicazioni e i propri servizi più velocemente, a prescindere dai dispositivi che i loro dipendenti utilizzano, ad esempio sostituendo i token hardware e utilizzando invece i telefoni cellulari come chiavi di sicurezza. 

"Nel mondo digitale di oggi, la persona media deve ricordare oltre 100 password, quindi non c'è da meravigliarsi che Verizon attribuisca l'84% delle violazioni della sicurezza a password compromesse. Le organizzazioni stanno ora lavorando per adottare la sicurezza zero-trust e identity-first per proteggere i propri utenti e la nostra missione in Keyless è rendere l'accesso ai servizi digitali semplice, sicuro e privato da qualsiasi dispositivo. Ottenere queste due certificazioni da FIDO Alliance è un passo cruciale in questo percorso e siamo orgogliosi di essere i primi a portare sul mercato la nuova generazione di autenticazione biometrica", ha dichiarato Andrea Carmignani, CEO e co-fondatore di Keyless. 

Keyless sta integrando la tecnologia certificata FIDO2 nella propria offerta per la forza lavoro e i consumatori, consentendo alle organizzazioni di scegliere se utilizzare una soluzione basata su FIDO2 quando implementano la tecnologia Keyless per dipendenti o consumatori. 

 

Ho scritto e condiviso questo articolo
Author: Red AdnkronosWebsite: http://ilcentrotirreno.it/Email: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.