Secondo un rapporto della The Economist Intelligence Unit, promosso da Appian, l'83% dei responsabili aziendali in ambito IT e Business a livello globale - e il 54% lato Italia -, affermano che per adattarsi ai cambiamenti occorrono app e infrastrutture m - il Centro Tirreno - Quotidiano online
Il sito "il Centro Tirreno.it" utilizza cookie tecnici o assimiliati e cookie di profilazione di terze parti in forma aggregata a scopi pubblicitari e per rendere più agevole la navigazione, garantire la fruizione dei servizi, se vuoi saperne di più leggi l'informativa estesa, se decidi di continuare la navigazione consideriamo che accetti il loro uso.
26
Mar, Ott

Secondo un rapporto della The Economist Intelligence Unit, promosso da Appian, l'83% dei responsabili aziendali in ambito IT e Business a livello globale - e il 54% lato Italia -, affermano che per adattarsi ai cambiamenti occorrono app e infrastrutture m

Immediapress
Typography
  • Smaller Small Medium Big Bigger
  • Default Helvetica Segoe Georgia Times

 

LONDRA, 23 settembre 2021 /PRNewswire/ --  Appian (NASDAQ: APPN) annuncia la disponibilità di "IT's changing mandate in an age of disruption", un nuovo report sviluppato dalla The Economist Intelligence Unit (EIU) e promosso da Appian. I risultati della ricerca sono basati su un duplice sondaggio, condotto da The EIU, e

che ha visto la partecipazione di oltre 1.000 decision-maker in ambito IT e dirigenti di business di importanti società di tutto il mondo e in Italia.  

I risultati dello studio fanno luce sulle carenze dei sistemi IT esistenti. I dati mostrano che gli arretrati dell'IT sono significativi e il controllo del reparto IT sull'infrastruttura digitale nelle organizzazioni sta venendo meno. Con la crescente domanda di nuove applicazioni software da parte del business, sta aumentando il carico di lavoro per attività di sviluppo non IT e la maggior parte dei responsabili aziendali si aspetta un aumento di questa tendenza. 

Allo stesso tempo, c'è un consenso quasi unanime sul fatto che le applicazioni devono essere migliorate per rendere le organizzazioni più reattive alle mutevoli condizioni del business. In questo contesto, l'83% degli intervistati nella media globale, e il 54% in Italia, affermano che, per adattarsi meglio ai cambiamenti esterni, occorre un miglioramento dell'infrastruttura IT e delle app. 

"Il rapporto mostra come le organizzazioni si aspettino di più dal reparto IT in un momento in cui i dipendenti e i dati aziendali sono più frammentati che mai. Grazie al Low-code, l'IT può acquisire agilità e fornire le applicazioni complesse di cui le aziende hanno bisogno", ha commentato Matt Calkins, CEO di Appian. 

I dati della ricerca mettono in luce anche un percorso che è possibile intraprendere per il futuro. La necessità di agilità del business, stimolata dalla pandemia da COVID, sta richiedendo al personale IT di assumere un nuovo ruolo basato sulla capacità di garantire resilienza all'organizzazione. Alla domanda sulle aree di maggiore impatto da migliorare, le prime tre risposte a livello globale sono state il supporto dei lavoratori da remoto (72%), l'integrazione di informazioni e flussi di lavoro in tutta l'organizzazione (69%) e la modifica rapida di sistemi e processi (69%). Per l'Italia le priorità sono leggermente differenti: supportare i lavoratori da remoto (72%), cambiare rapidamente sistemi e processi (62%) e utilizzare la tecnologia per adattarsi ai cambiamenti delle esigenze e delle aspettative dei clienti (54%).  

Gli altri risultati del report includono: 

Per ulteriori informazioni, è possibile scaricare il report completo all'indirizzo e contatta Appian per informazioni su come l'automazione low-code accelera i processi IT e migliora la collaborazione con il business, le prestazioni e la resilienza delle organizzazioni. 

Informazioni sul report"IT's changing mandate in an age of disruption" è un report basato su sondaggi elaborato da The Economist Intelligence Unit (EIU) e promosso da Appian. I 1.002 intervistati rappresentano i responsabili IT e di business in sei settori (servizi finanziari, assicurazioni, sanità, settore pubblico, oil e gas, energia e servizi pubblici) e nove paesi (Stati Uniti, Canada, Francia, Germania, Italia, Paesi Bassi, Spagna, Regno Unito e Australia). Un terzo sono dirigenti di livello C e il resto ricopre un ruolo di direttore o superiore. La metà degli intervistati lavora in organizzazioni con un fatturato annuo di oltre 1 miliardo di dollari. Il report integra i risultati del sondaggio con ricerche secondarie e interviste approfondite con esperti di organizzazioni come BP, BUPA Australia & New Zealand, Capital One, Mayo Group, Unilabs e Uniper. 

AppianAppian aiuta le organizzazioni a costruire applicazioni e workflow rapidamente, con una piattaforma di automazione low-code. Combinando persone, tecnologie e dati in un unico flusso di lavoro, Appian può aiutare le aziende a massimizzare le risorse e migliorare i risultati di business. Molte delle più grandi organizzazioni al mondo utilizzano le applicazioni Appian per migliorare l'esperienza del cliente, raggiungere l'eccellenza operativa e semplificare la gestione del rischio globale e la compliance. Per ulteriori informazioni, visita il sito www.appian.it  

 

Foto - https://mma.prnewswire.com/media/1613100/Report_Cover_Appian.jpgLogo - https://mma.prnewswire.com/media/1488235/Appian_Logo.jpg