Covid e scuola, Gimbe: "Italia ha puntato solo su vaccini" - il Centro Tirreno - Quotidiano online
Il sito "il Centro Tirreno.it" utilizza cookie tecnici o assimiliati e cookie di profilazione di terze parti in forma aggregata a scopi pubblicitari e per rendere più agevole la navigazione, garantire la fruizione dei servizi, se vuoi saperne di più leggi l'informativa estesa, se decidi di continuare la navigazione consideriamo che accetti il loro uso.
27
Mer, Ott

Covid e scuola, Gimbe: "Italia ha puntato solo su vaccini"

Immediapress
Typography
  • Smaller Small Medium Big Bigger
  • Default Helvetica Segoe Georgia Times

Per la ripartenza delle scuole in sicurezza, nel secondo autunno di convivenza con Covid-19, "finora l'Italia ha puntato solo sulla vaccinazione. Ma per i ragazzi under 12 non è disponibile nessuna dose di vaccino", perché nessun prodotto è stato ancora autorizzato in questa fascia d'età, "e tanti over 12 non sono

ancora vaccinati. Inoltre, il protocollo d'intesa del ministero ha derogato al concetto di distanziamento che è diventato una sorta di obbligo flessibile, e c'è anche la questione trasporti. Rispetto a tutte le strategie che possono essere messe in atto nella scuola, noi ne stiamo utilizzando solamente alcune". Lo ha sottolineato Nino Cartabellotta, presidente della Fondazione Gimbe, intervenuto a 'L'Italia s'è desta' su Radio Cusano Campus. 

Quanto al possibile impatto della ripresa scolastica sull'andamento della curva epidemica, "l'ultimo report di venerdì dell'Istituto superiore di sanità ancora non mostra grandi movimenti di numeri. Però dobbiamo anche considerare che è ancora presto: ci vogliono almeno 2-3 settimane per vedere eventuali incrementi di contagi", ha precisato Cartabellotta.