Diabete: Umbria, Marche, Abruzzo e Molise a confronto, tra problematiche evidenziate dalla pandemia e possibili soluzioni
Il sito "il Centro Tirreno.it" utilizza cookie tecnici o assimiliati e cookie di profilazione di terze parti in forma aggregata a scopi pubblicitari e per rendere più agevole la navigazione, garantire la fruizione dei servizi, se vuoi saperne di più leggi l'informativa estesa, se decidi di continuare la navigazione consideriamo che accetti il loro uso.
18
Mar, Gen

Diabete: Umbria, Marche, Abruzzo e Molise a confronto, tra problematiche evidenziate dalla pandemia e possibili soluzioni

Immediapress
Typography
  • Smaller Small Medium Big Bigger
  • Default Helvetica Segoe Georgia Times

Valorizzare la telemedicina, rivedere i PDTA, lavorare per la prevenzione, riorganizzare il territorio senza perdere il collegamento con l’ospedale: ecco le riflessioni dei maggiori esperti  

Perugia, Ancona, L'Aquila e Campobasso 5 novembre 2021 - Proseguono i tavoli di confronto Regionali promossi da Motore Sanità,

insieme a Diabete Italia, per fotografare quella che è la situazione attuale del diabete nel nostro Paese.  

Quattro le Regioni - due del Centro e due del Sud Italia - protagoniste del webinar “LA PANDEMIA DIABETE IN UMBRIA, MARCHE, ABRUZZO E MOLISE: MODELLI ORGANIZZATIVI E CRITICITÀ GESTIONALI”, durante il quale hanno partecipato istituzioni, clinici (specialisti e medici di medicina generale), care giver, farmacisti e pazienti.  

L’impatto della malattia sul Servizio sanitario nazionale e sui servizi regionali è molto importante e, con oltre 4milioni di italiani diabetici - se consideriamo anche il sommerso - urge una revisione organizzativa della rete assistenziale.  

Necessità, per altro, stimolata dalla recente pandemia, come ha sottolineato Valentino Cherubini, Direttore SOD Diabetologia Pediatrica Ancona: “Per quanto riguarda l’aspetto pediatrico, il Covid ha procurato un forte aumento della chetoacidosi diabetica, che corrisponde a un ritardo nella diagnosi. La prima riflessione in questo senso è che dobbiamo lavorare nella prevenzione. La seconda riflessione riguarda la telemedicina, che in questa fase di post-Covid non dobbiamo abbandonare. Dobbiamo inserirla in un percorso in cui va contrattualizzata e valorizzata. La terza considerazione riguarda la discrepanza tra la cura di prossimità e la centralizzazione nel Centro specialistico, che va superata con delle strategie organizzative accurate. Ultimo punto è quello del Percorso Diagnostico Terapeutico Assistenziale (PDTA), che ha bisogno di essere valutato, al fine di renderlo più fruibile da parte di operatori sanitari e pazienti con le strategie più idonee”.  

Ma c’è di più. Camillo Giammartino, Direzione Salute Regione Umbria, ha evidenziato il fatto che la popolazione diabetica non è omogenea.  

Sarebbe questo, a suo avviso, il nocciolo del problema: “C’è il paziente stabile - che può essere gestito in un adeguato setting assistenziale - e quello instabile che ha bisogno di un altro setting assistenziale e questo va attuato e definito. I PDTA in parte vanno riscritti perché devono tenere conto: di quello che è il nuovo approccio di comunicare la malattia cronica - compreso il diabete - e della telemedicina, risorsa importante ma non a costo zero. L’Umbria si muove secondo quelle che sono le indicazioni che vengono dalla normativa nazionale e dalle linee guida relativamente al discorso del Piano Nazionale Ripresa e Resilienza (PNRR) e alla rimodulazione della riorganizzazione. Al momento attuale questo è un elemento di profonda riflessione”.  

Per quanto riguarda il Molise, ci sono alcune problematiche a cui far fronte, come ha messo in luce Enzo Di Blasio, Pediatra Campobasso e Membro della Segreteria FIMP Molise: “Stiamo cercando di portare sul territorio una figura specialistica di riferimento per poter meglio gestire i piccoli pazienti. In questo senso, credo che la telemedicina possa darci una mano nel tentativo di gestire queste situazioni”.  

Soddisfatta, invece, Giuliana La Penna, Presidente AMD Abruzzo: “La Regione Abruzzo è avanti in diabetologia. Abbiamo sempre cercato di fare il massimo, anche se il Covid ha poi evidenziato certe problematiche e quindi oggi ci troviamo a rivedere i percorsi di cura e l’organizzazione. Abbiamo una rete diabetologica e da pochissimo ci siamo riuniti per riorganizzarla. Il territorio va organizzato bene, ma non bisogna perdere il collegamento con l’ospedale che è di fondamentale importanza. Stiamo rivedendo anche i PDTA perché siano più fruibili e applicabili. A Pescara abbiamo una buona rete informatica e il nostro obiettivo è quello di ottimizzare la gestione integrata con il medico di medicina generale. Siamo tra le prime regioni in Italia ad avere attuato la formula del noleggio per i microinfusori per l’aggiornamento tecnologico, per dare la possibilità ai nostri pazienti diabetici di essere sempre al passo con la tecnologia. Dal punto di vista farmaceutico siamo innovativi e l’auspicio è che i farmaci siano dati in prescrivibilità ai medici di medicina generale. È chiaro che ci deve essere un’ottima intesa tra lo specialista e il medico di medicina generale”.  

 

Motore Sanità si propone di contribuire al progresso della ricerca scientifica e delle conoscenze scientifiche sia in Italia che all’estero nel campo sanitario e sociale attraverso:  

1. informazione, formazione e sensibilizzazione 

2. organizzazione di convegni, congressi, workshop e seminari 

3. attività di aggiornamento, educazione e pubblicazioni 

Sito internet: www.motoresanita.it  

Ufficio stampa Motore Sanità Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.  

Liliana Carbone - Cell. 347 2642114 

Marco Biondi - Cell. 327 8920962 

 

Ho scritto e condiviso questo articolo
Author: Red AdnkronosWebsite: http://ilcentrotirreno.it/Email: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.