Molti casi di concorrenza sleale nelle aziende. Fabio Di Venosa: “Se si fanno investigazioni in tempi rapidi, si limitano danni”
Il sito "il Centro Tirreno.it" utilizza cookie tecnici o assimiliati e cookie di profilazione di terze parti in forma aggregata a scopi pubblicitari e per rendere più agevole la navigazione, garantire la fruizione dei servizi, se vuoi saperne di più leggi l'informativa estesa, se decidi di continuare la navigazione consideriamo che accetti il loro uso.
25
Mar, Gen

Molti casi di concorrenza sleale nelle aziende. Fabio Di Venosa: “Se si fanno investigazioni in tempi rapidi, si limitano danni”

Immediapress
Typography
  • Smaller Small Medium Big Bigger
  • Default Helvetica Segoe Georgia Times

La concorrenza sleale è la preoccupazione di molti imprenditori, perché rischia di depauperare valori importanti e know-how che l’azienda ha acquisito nel tempo. La velocità di intervento è fondamentale. 

Roma 29 novembre 2021. Fughe di dati riservati e di notizie segrete, sottrazione di clienti,

rischi di spionaggio industriale. Una delle insidie che grava di più a danno delle imprese è la concorrenza sleale e può creare problemi seri ad aziende sia di grandi che di piccole dimensioni. Per tutelarsi nel modo corretto un dirigente può solo rivolgersi ad un’agenzia investigativa, che ha la possibilità di indagare su atti di infedeltà o su rapporti conflittuali. Ma soprattutto può intervenire in tempi rapidi, grazie all’esperienza e all’autorità dei suoi detective. 

“La concorrenza sleale può essere di due tipi - spiega Fabio Di Venosa, amministratore delegato del Centro Servizi Investigativi con sede a Milano e Roma, con un’esperienza di oltre 30 anni in questo settore – Può essere condotta da persone che lavorano all’interno, sia soci che dipendenti, i quali trafugano notizie importanti in favore della concorrenza e le portano fuori in modo non autorizzato. Stiamo parlando di dati particolarmente sensibili e che sono la ricchezza dell’azienda: elenco clienti, prezzari, brevetti, metodi efficaci di organizzazione del lavoro. In questo caso il nostro Centro Servizi Investigativi indaga sui dipendenti sospetti. Ma questi danneggiamenti possono arrivare anche esternamente dalla concorrenza stessa, per accaparrarsi agenti di vendita, dipendenti validi o informazioni rilevanti. Tra le attività scorrette che possono essere messe in pratica c’è anche l’inserimento di microspie o altri sistemi digitali illegali per l'ascolto di conversazioni all’interno degli ambienti lavorativi. In questo caso attiviamo bonifiche certificate e azioni di controspionaggio, per difendere l’azienda da questi attacchi scorretti e poter prendere i provvedimenti del caso”. 

Una concorrenza sleale può provocare danneggiamenti nel prodotto che viene commercializzato e nel suo prezzo di mercato, nell’elenco dei dipendenti in particolare quelli con maggior valore professionale, nell’organizzazione di processi aziendali di successo e chiaramente nella lista clienti. “Molto spesso l’imprenditore non si rende conto che la sua azienda ha creato, nel corso degli anni, un valore identitario che è determinante per la sua stabilità e per il successo – sottolinea Fabio Di Venosa -. Se viene trafugato uno solo di questi aspetti e veicolato verso un concorrente, può creare un danno irreparabile. Per questo è importante intervenire rapidamente”.  

La velocità di risposta è fondamentale per risolvere i possibili danneggiamenti da una concorrenza sleale. Il Centro Servizi Investigativi ha formato detective privati altamente specializzati nel risolvere i casi più critici ed ha fatto della rapidità la sua priorità nel fornire relazioni producibili per un eventuale giudizio. 

CONTATTI: https://www.servizinvestigativi.it/  

Ho scritto e condiviso questo articolo
Author: Red AdnkronosWebsite: http://ilcentrotirreno.it/Email: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.