Gran Prix d’Amerique 2022, Unire TV scende in pista con tante novità
Il sito "il Centro Tirreno.it" utilizza cookie tecnici o assimiliati e cookie di profilazione di terze parti in forma aggregata a scopi pubblicitari e per rendere più agevole la navigazione, garantire la fruizione dei servizi, se vuoi saperne di più leggi l'informativa estesa, se decidi di continuare la navigazione consideriamo che accetti il loro uso.
22
Dom, Mag

Gran Prix d’Amerique 2022, Unire TV scende in pista con tante novità

Immediapress
Typography
  • Smaller Small Medium Big Bigger
  • Default Helvetica Segoe Georgia Times

(Adnkronos) - L’emittente televisiva del Mipaaf, canale 220 Sky, domenica 30 gennaio, dalle ore 12 alle 18, seguirà in diretta tutta la giornata di corse al Vincennes Hippodrome di Parigi. Collegamenti, commenti ed interviste con gli ospiti collegati da Roma, Milano e dalla ville lumière. 

Milano, 27-01-2022 -

È iniziato il conto alla rovescia per il più prestigioso appuntamento del trotto al mondo, il Gran Prix d’Amerique al Vincennes Hippodrome di Parigi fissato, dal 1920 ad oggi, nell’ultima domenica di gennaio. Per questo evento UnireTV, canale prodotto e gestito da Epiqa del Gruppo Snaitech, è pronta a scendere in pista per far vivere ai telespettatori, sul canale 220 Sky, tutte le emozioni e i colpi di scena della 101^ edizione di una prova di Gruppo 1, sulla distanza di 2700 metri. Al vincitore andranno la soddisfazione e la notorietà del prestigioso traguardo, oltre ai 400.000 euro destinati al più veloce. Il montepremi complessivo della corsa raggiunge il milione di euro, mentre, per l’intera riunione, composta di 11 prove, sono in palio 2.820.000 euro. 

L’emittente televisiva del Mipaaf dedicherà il 30 gennaio, dalle ore 12 alle 18, un approfondimento in diretta di tutte le prove della giornata parigina arricchito da collegamenti, interviste e commenti di importanti ospiti con particolare attenzione al Gran Prix fissato alle ore 16:20.E allo stesso tempo, verrà dato ampio spazio su quanto accade negli ippodromi italiani durante la giornata di corse programmata in calendario. 

Un On-Air all’interno della quale si darà risalto alla nuova cornice degli studi di UnireTV, impreziositi dalle nuove grafiche che aggiornano il telespettatore sull’andamento della riunione di Vincennes, come richiesto dal neo direttore di UnireTV, Giovanni Bruno, che, insieme a tutta la squadra di Epiqa, è pronto a gestire dallo studio centrale e dalla postazione news i collegamenti per gli interventi degli esperti da Roma e da Milano, mentre un inviato a bordo pista al Vincennes Hippodrome seguirà gli aggiornamenti e le interviste a caldo di una giornata ricca di emozioni.  

Il Gran Prix d’Amerique si disputa dal 1920 su un circuito veloce realizzato in carbonella, tanto da essere soprannominato la “pista nera”. Pur essendo sempre stata disputata a Parigi, la corsa prende questo nome in segno di riconoscenza dell’alleanza e del sostegno che gli Stati Uniti d’America offrirono alla Francia e agli alleati durante la Prima guerra mondiale. È considerata la corsa più ambita per la spettacolarità ed importanza dei suoi protagonisti, 11 cavalli qualificati ai quali si aggiungono altri 7 aventi diritto in base ai premi in denaro vinti in carriera.  

La prima edizione del 1920del Gran Prix d’Amerique fu appannaggio dell’Italia grazie alla vittoria di Pro Patria, che poi bissò l’impresa l’anno seguente. L’altro ed ultimo italiano vincente fu il mitico Varenne con Gianpaolo Minnucci in sulky nel 2001 e nel 2002.Nelle ultime due edizioni ha dominato l’italiano di Francia, Face Time Bourbon, che nel 2021 ha corso con il tempo record di 3 minuti e 11 secondi ed una media chilometrica di 1’10”8 che corrisponde ad una velocità media di 50,89 km/h. E proprio quest’ultimo, favorito anche per il 2022, ha dovuto dare forfait a pochi giorni dalla corsa con l’annuncio dell’allenatore Sebastien Guarato e di Antonio Somma, patron della Bivans, l’uomo che ha confezionato importanti successi con i suoi cavalli in giubba giallo-verde. Quindi rappresentano il trotto nostrano solo quattro cavalli: i nati in Italia Vivid Wise AS, Vitruvio e Zacon Gio e il norvegese Cokstile di proprietà della scuderia Santese. 

Ritornando all’albo d’oro emerge Ourasi che si è aggiudicato il Gran Prix ben quattro volte (dal 1986 all’88 e poi nel ’90). Tra i driver spicca Jean-René Gougeon con otto successi, due alla guida di Roquépine (1966 e 68), due di Bellino II nel triennio 1975-77 e poi con Ourasi nel filotto dal 1986 all’88. L’edizione più “pazza” fu quella del 2010 con protagonista Oyonnax quotato 173 a 1. E sempre in quella edizione finì al secondo posto un altro outsider, Quaker Jet a quota 108 a 1. 

Il Gran Prix d’Amerique 2022 sarà trasmesso in TV in 36 nazioni con un giro di scommesse previsto intorno ai 6 milioni di euro. Il programma prevede 7 corse di Gruppo, di cui tre di Gruppo 1 con l’Amerique e le Sulky World Cup dei 4 e dei 5 anni. Altri tre gruppi, invece, vanno in scena nella giornata di sabato 29. Il Vincennes Hippodrome ospiterà sugli spalti e a bordo pista massimo 5 mila spettatori rispetto ai 40 mila delle edizioni precedenti a causa delle restrizioni dovute all’emergenza sanitaria, mentre è stata annullata la tradizionale parata di presentazione del Gran Prix. Solo i driver verranno presentati prima dell’inizio della corsa.  

Ufficio Stampa Snaitech  

Cell. 3484963434 - Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.  

 

Ufficio Stampa Ippica  

Cell. 349.3798591 - Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.  

Ho scritto e condiviso questo articolo
Author: Red AdnkronosWebsite: http://ilcentrotirreno.it/Email: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.