Un nuovo sondaggio ha rilevato che l'87% dei pazienti con patologie di lunga durata si sente vittima di stigma e che gli infermieri ritengono di non avere tempo e risorse sufficienti per fornire un supporto adeguato
Il sito "il Centro Tirreno.it" utilizza cookie tecnici o assimiliati e cookie di profilazione di terze parti in forma aggregata a scopi pubblicitari e per rendere più agevole la navigazione, garantire la fruizione dei servizi, se vuoi saperne di più leggi l'informativa estesa, se decidi di continuare la navigazione consideriamo che accetti il loro uso.
26
Dom, Giu

Un nuovo sondaggio ha rilevato che l'87% dei pazienti con patologie di lunga durata si sente vittima di stigma e che gli infermieri ritengono di non avere tempo e risorse sufficienti per fornire un supporto adeguato

Immediapress
Typography
  • Smaller Small Medium Big Bigger
  • Default Helvetica Segoe Georgia Times

(Adnkronos) - BRIDGEWATER, N.J., 18 maggio 2022 /PRNewswire/ -- Secondo una nuova ricerca, i pazienti con patologie di lunga durata, oltre alle numerose sfide emotive associate alle loro condizioni di salute, devono affrontare lo stigma. Allo stesso tempo, dai risultati del sondaggio emerge che i team che si occupano della loro assistenza, in

particolare gli infermieri, non si sentono in grado di fornire un supporto adeguato a causa della mancanza di tempo e risorse. Il sondaggio, condotto da Wakefield Research con il sostegno di Convatec, ha raccolto le risposte di 200 pazienti o dei loro caregiver e di 200 infermieri negli Stati Uniti.¹  

Le sfide che i pazienti devono affrontareIl sondaggio ha rilevato che l'87% dei pazienti o dei loro caregiver sono in un certo senso vittime di stigma associato alle attuali condizioni di salute proprie o della persona di cui si prendono cura. Quasi la metà (44%) ha riferito di sentirsi imbarazzata a parlare delle proprie attuali condizioni di salute, mentre il 43% ritiene che le proprie condizioni di salute non siano normale oggetto di discussione e che raramente vengano rappresentate nei media. 

Quasi tutti i pazienti (99%) e i loro caregiver affermano che lo stigma può avere un impatto negativo o rallentare i progressi percepiti dal paziente relativamente alla patologia in corso, e il 96% degli infermieri concorda sul fatto che la guarigione fisica di un paziente possa essere influenzata dallo stigma. 

"Sappiamo già che l'impatto dello stigma sui nostri pazienti non può essere sottovalutato", ha dichiarato Karim Bitar, CEO di Convatec. "I risultati del sondaggio dimostrano come la salute emotiva e mentale sia oggi una priorità per la salute sociale. Dobbiamo fare di più, come settore, per contribuire a prevenire lo stigma tra questi pazienti, condividendo storie ed esperienze sulla possibilità di vivere la malattia a testa alta, fornendo supporto tra pari e agevolando le conversazioni tra amici, familiari e team di assistenza". 

Anche se il supporto emotivo assume molte forme, il team medico di ogni paziente svolge un ruolo importante, infatti oltre la metà (56%) dei pazienti riferisce di voler trascorrere più tempo con l'equipe medica curante per sentirsi maggiormente seguito.Quasi tutti i pazienti (96%) e gli operatori sanitari desiderano maggiori informazioni sulle proprie condizioni di salute, con il 53% che dichiara di voler ricevere tali informazioni attraverso conversazioni con l'equipe medica curante. 

Le sfide per gli infermieri: Il divario di curaSe da un lato i pazienti anelano maggior supporto, dall'altro, sulla scia della pandemia, gli operatori sanitari si sentono più sopraffatti e stanchi che mai: il sondaggio ha rilevato che più di 2 infermieri su 3 (68%) ritengono di non essere in grado di supportare appieno i propri pazienti, e quasi tutti (96%) concordano sul fatto di aver bisogno di più tempo, risorse e formazione per prendersi pienamente cura dei pazienti. Secondo il sondaggio: 

Inoltre, mentre la maggior parte degli infermieri (82%) si sente completamente o per lo più a proprio agio a parlare con i pazienti delle sfide legate alle loro attuali condizioni di salute, il 60% afferma di non essere del tutto a proprio agio. Tra coloro che sono meno a proprio agio, il 47% afferma che il motivo risiede nell'assenza di tempo di qualità da dedicare a questa attività. 

'Prendersi cura, per sempre': ci impegniamo a colmare il divario di curaConvatec, azienda globale di soluzioni e tecnologie mediche, ha annunciato oggi una nuova promessa e una nuova identità, 'prendersi cura, per sempre', che riflette la continua trasformazione dell'azienda in un'organizzazione più incentrata sulle cure, agile e responsabile. 

"Stiamo ascoltando e, soprattutto, stiamo imparando", ha aggiunto Karim Bitar. "In un settore storicamente molto orientato al prodotto, 'prendersi cura, per sempre' è un impegno nei confronti delle persone che serviamo, e proprio verso quei pazienti, operatori sanitari e infermieri che hanno partecipato a questo sondaggio. Mentre continuiamo a mettere in pratica la nostra vision di essere all'avanguardia sul fronte di soluzioni mediche affidabili in grado di migliorare le vite che tocchiamo, sappiamo che le esigenze dei nostri pazienti e dei nostri operatori sanitari sono in continua evoluzione e che noi dobbiamo cambiare con loro". 

Nell'ambito di questa nuova promessa, Convatec si impegna a rafforzare il supporto offerto ai pazienti che si trovano ad affrontare problemi complessi associati alle proprie condizioni di salute, ampliando i programmi di supporto come me+, che fornisce strumenti di recupero educativi e guidati, consigli e supporto tra pari a coloro che convivono con patologie di lunga durata. 

Convatec è inoltre impegnata a lavorare a stretto contatto con pazienti, caregiver e operatori sanitari per contribuire a prevenire lo stigma. Convatec ha recentemente lanciato la sua prima campagna 'Healthy Bonds', per celebrare, sostenere ed emancipare tutti coloro che fanno parte della comunità dei soggetti stomizzati, spesso vittime di stigma, proprio raccontando esperienze di convivenza con una stomia. 

Allo stesso tempo, Convatec è costantemente impegnata a ridurre il carico per gli operatori sanitari fornendo risorse educative e ulteriore assistenza attraverso programmi come la Convatec Academy of Professional Education, che si impegna a sostenere l'istruzione e la formazione permanente degli operatori sanitari. Lo scorso anno il programma ha già coinvolto oltre 300.000 operatori sanitari a livello globale. 

Convatec si rende inoltre conto che il tempo degli infermieri e degli operatori sanitari è prezioso. Per alleggerire il carico degli operatori sanitari, Convatec ha lanciato una nuova app di soluzioni per gli infermieri che facilita la selezione e la raccomandazione dei migliori prodotti per le stomie dei pazienti, ma che si presta anche come comodo sportello unico dove i pazienti possono presentare le prescrizioni, trovare consigli e programmare consulenze con un infermiere. 

Dal 1964, Convatec ha sempre supportato i pazienti nelle loro esigenze per la gestione delle patologie di lunga durata, con una posizione leader nel mercato delle cure avanzate di lesioni, stomie e infusioni. 'Prendersi cura, per sempre' rappresenta una nuova ed entusiasmante fase della storia di Convatec, oltre a una promessa di contribuire a offrire ai pazienti e agli operatori sanitari il sostegno di cui hanno bisogno. 

Informazioni sul sondaggioIl sondaggio Convatec Nurses Survey è stato condotto da Wakefield Research tra 200 infermieri statunitensi che si occupano di pazienti in cura per lesioni, incontinenza, cura della stomia, terapia infusionale, tra il 5 aprile e il 17 aprile 2022. Questo sondaggio è ponderato per garantire una rappresentazione accurata degli infermieri degli Stati Uniti.  

Il sondaggio Convatec Patients and Caregivers è stato condotto da Wakefield Research tra 200 pazienti (o relativi caregiver) che hanno ricevuto cure per lesioni, incontinenza o stomia, terapia infusionale, tra il 5 aprile e il 17 aprile 2022, attraverso un invito inviato via e-mail e un sondaggio online. 

Convatec Group PlcAll'avanguardia nelle soluzioni mediche di fiducia che migliorano le vite che tocchiamo: Convatec è una società globale di prodotti e tecnologie medicali FTSE 250, incentrata su soluzioni per la gestione delle patologie croniche, con posizioni leader nella cura avanzata delle lesioni, delle stomie, dell'incontinenza e nella terapia intensiva, e nella terapia infusionale. Nel 2021 i ricavi del gruppo hanno superato i 2 miliardi di dollari. Con circa 10.000 collaboratori, forniamo i nostri prodotti e servizi in oltre 100 Paesi, uniti dalla promessa di prendersi cura, per sempre. I nostri prodotti offrono una gamma di vantaggi, dalla prevenzione delle infezioni alla protezione della pelle a rischio, dal miglioramento degli esiti dei pazienti alla riduzione dei costi delle cure. Per ulteriori informazioni su Convatec, visitare il sito web http://www.convatecgroup.com. 

1 Pazienti che ricevono cure per lesioni, incontinenza o cura della stomia, terapia infusionale o i loro caregiver, e gli infermieri che seguono i pazienti per la cura di lesioni, incontinenza, stomia o terapia infusionale. Solo negli Stati Uniti. 

AP-50000-GBL-ENG 

Logo - https://mma.prnewswire.com/media/1817238/CONVATEC_PRIMARY_LOGO_HORIZONTAL_WITH_STRAPLINE_CMYK__1_Logo.jpg  

 

Ho scritto e condiviso questo articolo
Author: Red AdnkronosWebsite: http://ilcentrotirreno.it/Email: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.