Il patrimonio culturale splende a Dongying
Il sito "il Centro Tirreno.it" utilizza cookie tecnici o assimiliati e cookie di profilazione di terze parti in forma aggregata a scopi pubblicitari e per rendere più agevole la navigazione, garantire la fruizione dei servizi, se vuoi saperne di più leggi l'informativa estesa, se decidi di continuare la navigazione consideriamo che accetti il loro uso.
02
Sab, Lug

Il patrimonio culturale splende a Dongying

Immediapress
Typography
  • Smaller Small Medium Big Bigger
  • Default Helvetica Segoe Georgia Times

(Adnkronos) - DONGYING, Cina, 23 giugno 2022 /PRNewswire/ -- Relazione del China Daily: 

Dongying, nella provincia dello Shandong nella Cina orientale, promuove la tutela del suo artigianato tradizionale combinando turismo locale, sviluppo di prodotti culturali creativi, laboratori sui patrimoni culturali intangibili e

ravvivamento rurale. 

Dongying, la città in cui il Fiume Giallo sfocia nel mare di Bohai, è ricca di risorse culturali, in particolare di artigianato tradizionale e di patrimonio culturale intangibile come la tecnica di pittura con paglia, la lavorazione artigianale della ceramica, la scultura in legno e la tecnica di lavorazione dell'abito tradizionale cheongsam. 

La tecnica di lavorazione artigianale della porcellana nel villaggio Dongwang di Dongying risale alla dinastia Qing (1644-1911). Portato dal Fiume Giallo, il fango di colore giallo si deposita qui tutto l'anno, fornendo il materiale per la realizzazione della porcellana. La porcellana realizzata con il fango giallo si presenta liscia e raffinata, con eccezionale robustezza, duttilità e lucentezza. 

Durante la dinastia Qing nel villaggio erano presenti più di 20 forni da ceramica nei quali si producevano vasi, urne, vasi da fiori, elementi decorativi, antichi tripodi, stoviglie e statuine di porcellana. 

"La realizzazione di un prodotto in porcellana richiede decine di passaggi, tra cui selezione dei materiali, modellatura, smaltatura e cottura in forno, tutti da fare rigorosamente a mano", ha dichiarato Wang Xuefang, una ceramista professionista che ha iniziato a imparare l'arte all'età di 10 anni. 

Per contribuire a promuovere l'artigianato, lei e suo marito hanno aperto un laboratorio. "Ora, da singoli oggetti per l'uso domestico, i prodotti in porcellana si sono trasformati in delicati oggetti artigianali, complementi d'arredo e arredi di foggia antica", spiega Wang. I singoli laboratori hanno contribuito a rendere professionale l'artigianato della porcellana del villaggio e collettivizzarlo, incrementando il reddito degli abitanti. 

Nel distretto di Kenli, Dong Jie, erede alla quarta generazione della tecnica di produzione degli abiti cheongsam di Liunian, ha introdotto nella tecnica tradizionale elementi moderni e disegni con soggetti locali come la cultura del Fiume Giallo e la salvaguardia delle paludi, che hanno reso questo artigianato tradizionale popolare in patria e all'estero. 

Un cheongsam (qipao in mandarino) è un abito da donna tradizionale cinese realizzato utilizzando una dozzina di processi, tra cui intarsio, orli arrotolati, ricamo, disegno e intaglio. Grazie ad anni di eredità e innovazione, i cheongsam prodotti nel distretto di Kenli non hanno solo un valore pratico, ma anche un alto valore artistico ed estetico. 

Per promuovere ulteriormente il patrimonio culturale, è stata avviata una serie di corsi tra le comunità del distretto di Hekou di Dongying. Questi corsi sono varigati e comprendono taglio della carta, panini al vapore, statuine di legno, foto di Capodanno, pirografie e Tai chi, a beneficio di più di 2.000 residenti. 

 

Ho scritto e condiviso questo articolo
Author: Red AdnkronosWebsite: http://ilcentrotirreno.it/Email: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.