REGGIO CALABRIA, ricordo terremoto 1908
Il sito "il Centro Tirreno.it" utilizza cookie tecnici o assimiliati e cookie di profilazione di terze parti in forma aggregata a scopi pubblicitari e per rendere più agevole la navigazione, garantire la fruizione dei servizi, se vuoi saperne di più leggi l'informativa estesa, se decidi di continuare la navigazione consideriamo che accetti il loro uso.
19
Mer, Giu
Annunci AdSense
home-1-ads-ct-tda-002
Annunci AdSense
article-top-ads-ct-art-001

REGGIO CALABRIA, ricordo terremoto 1908

REGGIO CALABRIA, ricordo terremoto 1908

Reggio Calabria
Typography
  • Smaller Small Medium Big Bigger
  • Default Helvetica Segoe Georgia Times

Sindaco Falcomatà, "mantenere la memoria della tragedia"

REGGIO CALABRIA, ricordo terremoto 1908
REGGIO CALABRIA, ricordo terremoto 1908

 

REGGIO CALABRIA, 28 DIC - A distanza di 110 anni la città di Reggio Calabria ha ricordato le decine di migliaia di vittime del terremoto che il 28 dicembre del 1908 distrusse la città e Messina, oltre ai centri del circondario. In Cattedrale, alle 5.21, l'ora in cui si verificò il terremoto, é stata celebrata una Messa, mentre in Comune il sindaco, Giuseppe Falcomatà, ha scoperto una targa commemorativa collocata nell'androne centrale del Municipio. "Oggi più che mai, occorre mantenere la memoria della tragedia e stringendoci agli amici catanesi colpiti dal recente sisma - ha detto Falcomatà - occorre ricordare la strada fatta da allora sul piano dell'organizzazione dei soccorsi, anche grazie al prezioso lavoro dei volontari della Protezione Civile, e richiamare l'impegno di tutti in termini di prevenzione".

Red
Author: RedWebsite: https://ilcentrotirreno.itEmail: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.
News: Italia, Estero, Politica, Arte e Cultura, Eventi, Sport, Salute, Tecnologia, Amici Estero

Annunci AdSense
article-botton-ads-ct-art-002
Ti potrebbero interessare anche:
article-top-ads-ct-cca-002
Annunci AdSense
sidebar-ads-ct-tda-003

Seguici anche su Facebook