Lavoro - il Centro Tirreno
Il sito "il Centro Tirreno.it" utilizza cookie tecnici o assimiliati e cookie di profilazione di terze parti in forma aggregata a scopi pubblicitari e per rendere più agevole la navigazione, garantire la fruizione dei servizi, se vuoi saperne di più leggi l'informativa estesa, se decidi di continuare la navigazione consideriamo che accetti il loro uso.
23
Dom, Gen

Lavoro

Le ultime notizie dal mondo del lavoro: occupazione, opportunità di lavoro, pmi, made in Italy, start up, innovazione e agroalimentare, professioni e previdenza, formazione e altro

 

Nel dl Sostegni "ci aspettiamo indennizzi adeguati alle perdite subite dalle imprese sia nel 2020 che nel 2021, da erogare in tempi rapidissimi, eliminando il criterio dei Codici Ateco. Altrimenti le aziende non possono reggere. La crisi provocata dalla pandemia ha già messo a rischio il 32% degli artigiani e delle piccole aziende". E' quanto sostiene, intervistato da Adnkronos/Labitalia, il presidente di Confartigianato imprese, Marco Granelli. 

 

"Siamo d'accordo con il ministro Orlando sul fatto che in una situazione pandemica in atto la proroga sia della cassa integrazione che dello stop ai licenziamenti siano necessari. Non ci sono, a nostro parere, strade alternative per evitare di avere un problema sociale e anche un crollo dei consumi ancora più forte di quello che già abbiamo, con conseguenze devastanti sull'economia".

 

Un credito d’imposta fino al 50% per le aziende che investono nella formazione 4.0 dei propri dipendenti: un binomio virtuoso confermato dalla legge di Bilancio 2021 con una proroga che estende l’incentivo fiscale fino al 2022, che ha il plauso del fondo interprofessionale Formazienda. “Sul piano della formazione - sottolinea il direttore del Fondo Formazienda, Rossella Spada - la misura del credito d’imposta è compatibile con le risorse destinate dai fondi interprofessionali alle aziende in relazione alla copertura dei costi delle azioni formative. I due strumenti, a livello finanziario e operativo, possono quindi essere utilizzati in modo congiunto.

 

Il diritto dell'Ue non vieta che, nel caso del licenziamento illegittimo di un lavoratore, il Jobs Act escluda la reintegrazione del lavoratore assunto a tempo determinato prima del 7 marzo 2015 e stabilizzato in seguito. Lo stabilisce la Corte di Giustizia dell'Unione Europea, nella sentenza su un caso che riguarda una società italiana, la Consulmarketing.  

 

È Andrea Vago il vincitore del creative talent 'Inimitabile gusto italiano', indetto dalle Bibite Sanpellegrino con l’obiettivo di celebrare il talento creativo e fare un omaggio al gusto italiano. Grazie alla collaborazione con Ied-Istituto europeo di design, 24 giovani talenti sono scesi in campo per reinterpretare i gusti più iconici dello storico brand italiano attraverso i linguaggi della fotografia, dell’illustrazione e del motion design.

 

“Da sempre il Gruppo Sanpellegrino promuove il talento dei giovani che rappresentano il futuro del nostro Paese, e lo fa ancor di più in un periodo particolarmente complesso come quello che stiamo vivendo. Dare loro visibilità e celebrarne l’estro creativo significa creare valore condiviso e offrire all’intera società l’idea di un domani. La valorizzazione dei talenti per Sanpellegrino è fondamentale ed è legata, da sempre, al nostro successo in Italia e nel mondo".

 

"Il contest ha l'obiettivo di interpretare il gusto unico delle Bibite Sanpellegrino attraverso la fantasia e la creatività di studenti e alumni Ied. Il progetto è iniziato a novembre scorso, con la presentazione del brief da parte di Sanpellegrino e dell'agenzia di comunicazione Yam e da lì in poi i ragazzi hanno avuto tempo per sviluppare le loro idee attraverso il loro linguaggio, che poteva essere quello dell'illustrazione, del graphic design o del motion design o della fotografia.

Il diritto dell'Ue non vieta che, nel caso del licenziamento illegittimo di un lavoratore, il Jobs Act escluda la reintegrazione del lavoratore assunto a tempo determinato prima del 7 marzo 2015 e stabilizzato in seguito. Lo stabilisce la Corte di Giustizia dell'Unione Europea, nella sentenza su un caso che riguarda una società italiana, la Consulmarketing.  

Altri articoli...