Usa, Sangiuliano: "Reagan cambiò politica americana, da lui grande carica ottimismo" - il Centro Tirreno - Quotidiano online
Il sito "il Centro Tirreno.it" utilizza cookie tecnici o assimiliati e cookie di profilazione di terze parti in forma aggregata a scopi pubblicitari e per rendere più agevole la navigazione, garantire la fruizione dei servizi, se vuoi saperne di più leggi l'informativa estesa, se decidi di continuare la navigazione consideriamo che accetti il loro uso.
13
Gio, Mag

Usa, Sangiuliano: "Reagan cambiò politica americana, da lui grande carica ottimismo"

Lavoro
Typography
  • Smaller Small Medium Big Bigger
  • Default Helvetica Segoe Georgia Times

 

"Quello che diede Reagan con la sua elezione a presidente degli Stati Uniti fu una grande carica di ottimismo, soprattutto in economia, e poi una politica fiscale assolutamente innovativa, con l'abbassamento delle tasse in base alla teoria della curva di Laffer e secondo le ricette del premio Nobel Milton Friedman".

Così Gennaro Sangiuliano, direttore del Tg2 della Rai, ha presentato, nella sede nazionale dei consulenti del lavoro a Roma, il suo ultimo libro 'Reagan. Il presidente che cambiò la politica americana', edito da Mondadori, sulla storia del 40esimo presidente degli Stati Uniti d'America, che guidò il Paese dal 1981 al 1989.  

"Reagan -ha ricordato Sangiuliano- arriva alla guida degli Stati uniti d'America quando gli Usa e l'Occidente intero erano in una fase di grande depressione. Alla fine degli anni Settanta c'era un'inflazione altissima, a due cifre, c'era una disoccupazione altissima, e l'America era 'depressa' anche a livello internazionale. Tutti avevano in mente l'immagine del marine americano che ripiegava la bandiera americana sul tetto dell'ambasciata di Saigon in Vietnam, simbolo della sconfitta militare americana", ha sottolineato il giornalista e scrittore.  

Un momento difficile nel quale appunto Reagan, nato a Tampico in Illinois il 6 febbraio di 110 anni fa, mise la sua carica di ottimismo e le sue capacità di politico. Che già, ricorda Sangiuliano, erano emerse nel corso del suo mandato di governatore della California. "Come governatore della California Reagan fu colui il quale programmò il campus tecnologico della Silicon Valley, che è l'insediamento delle aziende più ricche al mondo, con Apple e tante altre aziende che si trovano in quella area geografica. Se oggi questa esiste si deve all'intuizione di Reagan di coniugare lo sviluppo con l'innovazione tecnologica", ha concluso Sangiuliano.