Festival del lavoro, Gnecchi: "Da Covid rivoluzione organizzativa lavoro che va affrontata" - il Centro Tirreno - Quotidiano online
Il sito "il Centro Tirreno.it" utilizza cookie tecnici o assimiliati e cookie di profilazione di terze parti in forma aggregata a scopi pubblicitari e per rendere più agevole la navigazione, garantire la fruizione dei servizi, se vuoi saperne di più leggi l'informativa estesa, se decidi di continuare la navigazione consideriamo che accetti il loro uso.
26
Dom, Set

Festival del lavoro, Gnecchi: "Da Covid rivoluzione organizzativa lavoro che va affrontata"

Lavoro
Typography
  • Smaller Small Medium Big Bigger
  • Default Helvetica Segoe Georgia Times

"Il Covid è stata una rivoluzione organizzativa imposta da subito sul mondo del lavoro. Non esiste un meglio e un peggio, dobbiamo tutti affrontare questo cambiamento, dobbiamo essere capaci di affrontarlo e di saperlo gestire".

Così la vicepresidente dell'Inps, Marialuisa Gnecchi, intervenendo al Festival del lavoro, la manifestazione dei consulenti del lavoro giunta alla dodicesima edizione e che si svolge on line.  

"L'inps -ha continuato Gnecchi- è sicuramente stata una delle amministrazioni che è partita più da lontano con il telelavoro, noi lo chiamavamo così. E io lo dico in quanto sono stata dipendente Inps. Era prevista contrattualmente la possibilità solo per un 20% del personale, una situazione molto ambita come possibilità. L'inps sicuramente è molto attrezzata da questo punto di vista. Ognuno di noi, lo dico anche adesso come vice presidente dell'Inps, ha un computer che può portare a casa sua e questo pc permette anche l'accesso agli archivi che è la cosa più difficile per amministrazioni pubbliche che devono stare attente a garantire la privacy", ha concluso,