Festival del lavoro, Durigon: "Servono scivoli per aziende per riorganizzazioni" - il Centro Tirreno - Quotidiano online
Il sito "il Centro Tirreno.it" utilizza cookie tecnici o assimiliati e cookie di profilazione di terze parti in forma aggregata a scopi pubblicitari e per rendere più agevole la navigazione, garantire la fruizione dei servizi, se vuoi saperne di più leggi l'informativa estesa, se decidi di continuare la navigazione consideriamo che accetti il loro uso.
15
Mar, Giu

Festival del lavoro, Durigon: "Servono scivoli per aziende per riorganizzazioni"

Lavoro
Typography
  • Smaller Small Medium Big Bigger
  • Default Helvetica Segoe Georgia Times

"Io credo che il Covid sia uno spartiacque. Il mondo del lavoro è fermo, con gli ammortizzatori e il blocco dei licenziamenti. E rischiamo con l'allentamento di queste norme un forte impatto sulle aziende. Non siamo pronti quindi oggi per

la vera riforma che avevamo previsto con il termine di quota 100 e con la famosa quota 41. Siamo sotto una vera guerra pandemica, che avrà grosso impatto. Vanno trovati degli strumenti per permettere alle aziende di riorganizzare le attività. Servono degli scivoli per dare risposte alle aziende e che si mantengano come forza lavoro i più giovani". Lo ha detto il sottosegretario al Mef, Claudio Durigon, intervenendo al Festival del lavoro.  

"Quota 100 ha 'tirato' tra il 60 e il 70%. Credo che sia una manovra che è stata falsata dalla pandemia da Covid19, che ha un po' bloccato tutto bloccando il ricambio generazione, visto lo stop ai concorsi", ha detto.