Pensioni, Tridico: "Dopo quota 100 non c'è scalone" - il Centro Tirreno - Quotidiano online
Il sito "il Centro Tirreno.it" utilizza cookie tecnici o assimiliati e cookie di profilazione di terze parti in forma aggregata a scopi pubblicitari e per rendere più agevole la navigazione, garantire la fruizione dei servizi, se vuoi saperne di più leggi l'informativa estesa, se decidi di continuare la navigazione consideriamo che accetti il loro uso.
15
Mar, Giu

Pensioni, Tridico: "Dopo quota 100 non c'è scalone"

Lavoro
Typography
  • Smaller Small Medium Big Bigger
  • Default Helvetica Segoe Georgia Times

"Quota 100 è stata un'opzione, anche se rigida, per l'accesso alla pensione che per 286mila persone ha trovato soddisfazione. Io non sono d'accordo con il dibattito che dice che a fine quota 100 avremo uno scalone perchè quota 100

ha costituito già esso stesso uno scalino. Non abbiamo uno scalone. Abbiamo già diversi elementi insieme a quota 100, con i precoci ad esempio. Su quella via dovremo continuare a investire individuando una platea di soggetti fragili". Lo ha detto il presidente dell'Inps, Pasquale Tridico, intervenendo al Festival del lavoro dei consulenti del lavoro.  

"Mi permetto di proporre una misura per uno scivolo a 62-63 per i fragili, per gli immunodepressi, per gli oncologici, per i quali stiamo già prevedendo delle misure", ha detto. 

"Si permetterebbe a 62-63 anni di uscire dal lavoro con la parte contributiva mentre quella retributiva si otterrebbe al raggiungimento dei 67 anni. Garantirebbe il principio della sostenibilità dei conti e si potrebbe legare anche a idee di permanenza sul lavoro a orario ridotto visto che il ministro Orlando ha parlato di staffetta generazionale", ha detto ritornando sulla sua 'idea' di intervento sul sistema pensionistico.  

E sull'Istituto ha aggiunto: "Rispetto a previsioni iniziali che erano veramente negative, abbiamo avuto un 'tiraggio' della cassa integrazione minore di quanto preventivato e una maggiore contribuzione rispetto alle stesse previsioni, specie da settori economici come quello manifatturiero. E quindi il deficit si è fermato a 6 miliardi nel 2020, rispetto ai 16 preventivati".