Startup: Iziwork punta sull’Emilia-Romagna con sedi a Bologna e Rimini - il Centro Tirreno - Quotidiano online
Il sito "il Centro Tirreno.it" utilizza cookie tecnici o assimiliati e cookie di profilazione di terze parti in forma aggregata a scopi pubblicitari e per rendere più agevole la navigazione, garantire la fruizione dei servizi, se vuoi saperne di più leggi l'informativa estesa, se decidi di continuare la navigazione consideriamo che accetti il loro uso.
21
Mar, Set

Startup: Iziwork punta sull’Emilia-Romagna con sedi a Bologna e Rimini

Lavoro
Typography
  • Smaller Small Medium Big Bigger
  • Default Helvetica Segoe Georgia Times

Continua il percorso di crescita di Iziwork in Italia. La startup francese che sta cambiando il mondo del lavoro in somministrazione, grazie a una piattaforma basata su intelligenza artificiale e analisi dei dati, inaugura il suo terzo hub

regionale, questa volta in Emilia-Romagna, con sedi a Bologna e Rimini. Nata in Francia nel 2018 e sbarcata in Italia a novembre 2020 a Milano, in soli sei mesi di attività Iziwork conta già 120.000 lavoratori iscritti al proprio database e oltre 70 aziende clienti. Dopo l’apertura dei centri regionali a Brescia e Torino, prosegue la propria espansione territoriale con un nuovo hub che, grazie agli uffici a Bologna e Rimini, permetterà di facilitare l’accesso al mercato del lavoro temporaneo in modo sinergico in tutta l’Emilia-Romagna.  

Iziwork rappresenta un’evoluzione dei servizi tradizionalmente resi dalle agenzie per il lavoro, che combina i benefici della tecnologia con il valore umano, ma anche un cambio di paradigma reso possibile dal digitale, dalla fase dell’on-boarding, che avviene in soli 2 minuti attraverso l’app sullo smartphone, al reclutamento che utilizza l’intelligenza artificiale per suggerire il lavoratore più idoneo in meno di 4 ore. L’offerta tecnologica di Iziwork permette la prequalificazione automatizzata dei profili partendo da un’analisi esaustiva di un database ampio e in costante aggiornamento, grazie all’integrazione con le principali job board nazionali. Anche la gestione amministrativa è completamente digitalizzata, dai fogli di presenza alle buste paga, riducendo nettamente la possibilità di errori e facilitando l’archiviazione di tutti i documenti utili per lavoratori e aziende.  

Analizzando l’andamento del mercato del lavoro nel 2020, l’Emilia-Romagna spicca come la 2a regione in Italia per numero di offerte, coprendo il 16% del totale nazionale. Secondo l’Osservatorio InfoJobs, le figure professionali più ricercate nelle offerte di lavoro in Emilia-Romagna nel 2020 sono gli addetti ai magazzini e logistica, seguiti da addetti alle pulizie e impiegati contabili. A livello di categorie professionali, invece, la regione conferma il dato nazionale, con al 1° posto gli operai produzione e qualità (25,1%), seguiti da acquisti logistica e magazzino (17%), categoria in crescita (+14,1%) rispetto al 2019, e al 3° posto da amministrazione contabilità e segreteria (8,5%): tutti profili che rientrano nei campi di expertise della startup di lavoro temporaneo Iziwork. 

“L’apertura di un nuovo hub regionale in Emilia-Romagna - commenta Pierluigi Lauriano, Managing director di Iziwork Italia - ci permette di sviluppare nuove opportunità di business in una regione chiave per Iziwork, territorio nel quale abbiamo già diverse aziende clienti attive e in cui stiamo pianificando l’apertura di un ulteriore hub entro l’estate. Riteniamo che il lavoro a somministrazione rappresenti un’importante porta di accesso al mondo del lavoro, specialmente in un momento difficile per l’economia come quello attuale. I contratti a somministrazione offrono alle aziende maggiore flessibilità e al tempo stesso ai lavoratori le dovute tutele. Grazie ai nostri processi digitalizzati e al lavoro dei team sul territorio, riusciamo a garantire un matching tra profili ricercati delle aziende e lavoratori nel giro di poche ore”.  

Proprio nel periodo della pandemia, in Francia, il modello 'tech4good' di Iziwork è risultato vincente, quadruplicando il numero dei lavoratori somministrati tra aprile a dicembre 2020. Ora la scommessa sul mercato italiano, con l’apertura dell’hub bresciano, è quella di contribuire al miglioramento del mercato del lavoro flessibile operando in sinergia col territorio. “Abbiamo in programma una serie di corsi di formazione per i lavoratori che si iscrivono alla nostra piattaforma. Chi si affida a noi, beneficia di un supporto continuativo che va oltre e non si esaurisce con la somministrazione. Il giusto mix tra aggiornamento di competenze e miglioramento delle proprie abilità, aiuta a incrementare l’occupabilità e ci permette di avere un database di lavoratori qualificati”, conclude Lauriano. 

Chi si iscrive alla piattaforma di Iziwork può accedere a una serie di servizi e programmi tra cui: corsi di formazione e riqualificazione, percorsi di reinserimento, priorità di accesso agli incarichi più pertinenti, un bonus di 400 euro annui per chi si è distinto particolarmente.