Da intelligenza emotiva a team a distanza, ecco i manager 'nativi Covid' - il Centro Tirreno
Il sito "il Centro Tirreno.it" utilizza cookie tecnici o assimiliati e cookie di profilazione di terze parti in forma aggregata a scopi pubblicitari e per rendere più agevole la navigazione, garantire la fruizione dei servizi, se vuoi saperne di più leggi l'informativa estesa, se decidi di continuare la navigazione consideriamo che accetti il loro uso.
01
Mer, Dic

Da intelligenza emotiva a team a distanza, ecco i manager 'nativi Covid'

Lavoro
Typography
  • Smaller Small Medium Big Bigger
  • Default Helvetica Segoe Georgia Times

L’emergenza sanitaria globale ha generato una serie di incertezze e grandi difficoltà anche nel mondo del lavoro, ma non mancano opportunità per quei professionisti che, magari, sono disposti a cambiare lavoro o desiderano

cambiare ruolo, acquisendo responsabilità manageriali, all’interno della stessa azienda. Si tratta di una nuova generazione di manager che potremmo definire 'Nativi Covid-19'.  

“La situazione che abbiamo vissuto nell’ultimo anno e che, purtroppo, viviamo ancora - dichiara Francesca Contardi, managing director di EasyHunters, prima società di ricerca e selezione con un Digital Operating Process - è certamente complicata, anche a livello professionale, e obbliga i manager a compiere un grande sforzo per risolvere tutte le problematiche legate al remote working e alla gestione dei team a distanza. I manager 'Nativi Covid-19' si trovano a lavorare, in uffici completamente smaterializzati, con persone che non hanno mai incontrato dal vivo ed è per questo che, insieme alle competenze tecniche, diventa indispensabile saper leggere le emozioni proprie e altrui, saper anticipare i cambiamenti, sempre più repentini, ed essere estremamente flessibili”. EasyHunters illustra, quindi, quali sono le competenze dei manager 'Nativi Covid-19'. 

-Intelligenza emotiva. I manager 'Nativi Covid-19' si sono trovati a gestire una situazione lavorativa nuova (in una nuova azienda o in un nuovo ruolo) in un momento estremamente complicato che nessuno aveva immaginato. Appare evidente, quindi, quanto sia importante comprendere le emozioni proprie e altrui per evitare che il clima diventi troppo pesante e che, a lungo andare, si compromettano il successo e lo sviluppo del business.  

-Capacità di gestire a distanza le risorse umane. Saper gestire persone (magari mai incontrate dal vivo) a distanza richiede un approccio completamente diverso per farsi conoscere e per conoscere i singoli componenti del team. Quando le informazioni viaggiano soltanto online (tramite mail, chat o video-chiamate), è indispensabile che le comunicazioni siano puntuali, chiare e precise affinché tutti possano lavorare nella giusta direzione per raggiungere gli obiettivi.  

-Flessibilità. Muoversi in un contesto in continua evoluzione e ricco di incertezze come quello segnato dall’emergenza Covid-19 richiede necessariamente grande flessibilità per reagire in modo repentino ai cambiamenti. I manager 'Nativi Covid-19' sono flessibili per definizione.  

-Saper anticipare i cambiamenti. Poiché il Coronavirus è ancora presente in tutto il mondo, i manager 'Nativi Covid-19' hanno dovuto fare i conti con questo scenario dal giorno zero. La capacità di anticipare gli eventi diventa cruciale, quindi, per creare una struttura capace di reagire alle avversità. Informarsi e confrontarsi è sempre stato importante, ora è indispensabile.