Gribaudo: "Mercato digitale importante ma non rinunciare a relazioni umane" - il Centro Tirreno - Quotidiano online
Il sito "il Centro Tirreno.it" utilizza cookie tecnici o assimiliati e cookie di profilazione di terze parti in forma aggregata a scopi pubblicitari e per rendere più agevole la navigazione, garantire la fruizione dei servizi, se vuoi saperne di più leggi l'informativa estesa, se decidi di continuare la navigazione consideriamo che accetti il loro uso.
26
Lun, Lug

Gribaudo: "Mercato digitale importante ma non rinunciare a relazioni umane"

Lavoro
Typography
  • Smaller Small Medium Big Bigger
  • Default Helvetica Segoe Georgia Times

"Il sistema della digitalizzazione e quindi il mercato digitale è importante nella vita di tutti noi". A dirlo Chiara Gribaudo, membro della commissione Lavoro della Camera, intervenendo al 9° Forum della vendita diretta promosso da

AVEDISCO-Associazione vendita diretta servizio consumatori. "Nella vendita diretta - spiega - osserviamo nel capitale umano la presenza di giovani e donne, questo perché l'elemento del contatto diretto, di fiducia, di interazione e relazione ne abbiamo bisogno ancora di più dopo questo anno e mezzo di vita pandemica. Nonostante la diffusione della digitalizzazione è fondamentale che ci sia la capacità, anche da parte della politica, di rispondere a dei settori che hanno ancora un elemento di grande traino nell'economia italiana".  

"E' importante - sostiene - favorire la ripresa dell'occupazione e di un servizio alla persona; parliamo spesso di come il mondo pre Covid non ci piacesse perché fatto di disuguaglianze molto forti ebbene parliamo di come riprogettare il nostro Paese e in questo senso l'attenzione da dedicare a ciascun comparto è fondamentale". 

"L'elemento di cambiamento e di innovazione tecnologica - sottolinea - non significa che si rinuncia alle relazioni umane e personali e su questo credo che tutti dobbiamo fare uno sforzo non solo dal punto di vista delle relazioni sociali, ma anche della connessione tra quelle relazioni sociali esistenti del mondo dell'economia e dell'impresa. Credo che serva un segnale concreto per ridisegnare un modello di welfare e di sostegno alle attività che ne hanno bisogno come il settore della vendita diretta".