Guerra: "Fondamentale relazione manager-istituzioni per progetto attuazione Recovery" - il Centro Tirreno - Quotidiano online
Il sito "il Centro Tirreno.it" utilizza cookie tecnici o assimiliati e cookie di profilazione di terze parti in forma aggregata a scopi pubblicitari e per rendere più agevole la navigazione, garantire la fruizione dei servizi, se vuoi saperne di più leggi l'informativa estesa, se decidi di continuare la navigazione consideriamo che accetti il loro uso.
27
Mer, Ott

Guerra: "Fondamentale relazione manager-istituzioni per progetto attuazione Recovery"

Lavoro
Typography
  • Smaller Small Medium Big Bigger
  • Default Helvetica Segoe Georgia Times

"E' veramente fondamentale avere una relazione tra il mondo dei manager e le istituzioni nella fase di attuazione del Pnrr, che arriverà a conseguire le sue finalità solo se nella fase di attuazione; ci sarà un ruolo molto

attivo del livello locale, sia per quanto riguarda le istituzioni, quindi Regioni e Comuni, sia per quanto riguarda le rappresentanze, le parti sociali e naturalmente i protagonisti delle imprese, perché questa attuazione sarà virtuosa solo se terrà insieme i vari pezzi creando a livello locale uno sviluppo che sia sostenibile e guardi effettivamente al futuro". A dirlo Maria Cecilia Guerra, sottosegretario di Stato al ministero dell'Economia in occasione dell'assemblea di Manageritalia (Federazione nazionale dirigenti, quadri e professional del commercio, trasporti, turismo, servizi, terziario avanzato) dal titolo 'Riprendiamoci il gusto del futuro'. 

Rivolgendosi a Manageritalia sottolinea quanto sia "interessante nelle vostre riflessioni l'attenzione per il ruolo cruciale e dinamico che i manager possono svolgere nel nostro Paese, in particolare mi riferisco a tre argomenti che mi sembrano di notevole rilevanza: in primo luogo quali prospettive per la crescita dell’economia nel nostro Paese, quali prospettive per i vostri settori e quindi quale è il contributo che volete dare".  

"E' veramente il momento - sottolinea Guerra - di riflettere non solo su una ripresa ma anche su una ripresa che deve fare i conti con delle trasformazioni significative che coinvolgono ad esempio la transizione ecologica e la transizione tecnologica. Sono molto interessata al fatto che voi proponete una riprogrammazione, un pensiero lungo sul vostro settore a partire dal turismo, nella consapevolezza che il turismo, il commercio, i trasporti, i servizi, devono rappresentare una offerta integrata, una visione complessiva e soprattutto una visione ben incardinata sui diversi territori del nostro Paese con le diverse caratteristiche che li contraddistinguono".  

"Fondamentale - aggiunge - anche la riflessione che proponete per quanto riguarda la professione: è evidente che anche i manager devono avere delle tutele, soprattutto a fronte di difficoltà di perdite di occupazione, di transizione da un posto all'altro".  

"Ma è anche - avverte il sottosegretario - un problema di investimento sulle competenze, perché se è vero che per l'insieme dei lavoratori ci sarà bisogno di continua 'ri-formazione', perché sarà necessario essere dinamici, questo è vero anche per i manager le cui competenze sono fondamentali e assolutamente necessarie e trainanti".