Costantino (Crif group): "Per uscita crisi cruciale rinnovare patto banche-imprese" - il Centro Tirreno - Quotidiano online
Il sito "il Centro Tirreno.it" utilizza cookie tecnici o assimiliati e cookie di profilazione di terze parti in forma aggregata a scopi pubblicitari e per rendere più agevole la navigazione, garantire la fruizione dei servizi, se vuoi saperne di più leggi l'informativa estesa, se decidi di continuare la navigazione consideriamo che accetti il loro uso.
13
Dom, Giu

Costantino (Crif group): "Per uscita crisi cruciale rinnovare patto banche-imprese"

Lavoro
Typography
  • Smaller Small Medium Big Bigger
  • Default Helvetica Segoe Georgia Times

"L’uscita dalla crisi richiederà un vero e proprio cambio di paradigma". A dirlo Giorgio Costantino, executive director global transformation services Crif group, in occasione della presentazione online dell'Osservatorio del

terziario Manageritalia. "Cruciale - avverte - sarà un rinnovato patto tra banche e imprese basato fiducia, condivisione delle informazioni, utilizzo di canali digitali e/o analisi dei processi di business. La misurazione di intangibles (i.e. livello di innovazione e/o di digitalizzazione) o le interrelazioni tra imprese e settori di attività economica (filiere di impresa), permetteranno di veicolare gli investimenti delle imprese e i relativi finanziamenti delle Banche verso ambiti e attività di prospettiva (a partire dal digitale e dalla sostenibilità-esg capitoli fondamentali del pnrr)".  

"Prevediamo - sottolinea - uno scenario in ripresa per le imprese da fine 2021 (fatturato +7,9% su 2020), ma il rilancio più consistente sarà a fine 2022 (+ 3,6% vs. 2019). La redditività tornerà su livelli pre covid per molti settori (alimentari, commercio, consulenza e servizi sociosanitari) non prima del 2022 livelli leggermente inferiori al 2019 (-0,7% su 2019). Alcuni settori particolarmente colpiti (turismo e commercio di autoveicoli) dovranno attendere anche oltre il 2022 per una piena ripresa (sia di fatturato che di redditività)".  

"L’Osservatorio Pulse - spiega Costantino - sviluppato da Crif in piena pandemia sarà aggiornato periodicamente per 'misurare il polso' dell’economia sulla base dell’ampio dataset di Crif (Dati creditizi, pagamenti commerciali e analisi forward looking su ratio di Bilancio) e contribuirà all’Osservatorio permanente sul terziario di Manageritalia".