Lavoro: Yonder-Workday, durante pandemia per metà giovani scarsa motivazione - il Centro Tirreno - Quotidiano online
Il sito "il Centro Tirreno.it" utilizza cookie tecnici o assimiliati e cookie di profilazione di terze parti in forma aggregata a scopi pubblicitari e per rendere più agevole la navigazione, garantire la fruizione dei servizi, se vuoi saperne di più leggi l'informativa estesa, se decidi di continuare la navigazione consideriamo che accetti il loro uso.
22
Mer, Set

Lavoro: Yonder-Workday, durante pandemia per metà giovani scarsa motivazione

Lavoro
Typography
  • Smaller Small Medium Big Bigger
  • Default Helvetica Segoe Georgia Times

Durante la pandemia, nel 2020, il 39% dei dipendenti ha avuto difficoltà a trovare la giusta motivazione al lavoro e circa la metà dei lavoratori giovani (18-34 anni) ha sofferto di un blocco motivazionale. E nello stesso periodo,

in Italia, rispetto ad altri Paesi europei risulta più forte la percezione di una riduzione delle possibilità di ottenere nuove responsabilità e skill: ben il 49% dei lavoratori dichiara di pensarla, infatti, così. E' quanto emerge da una ricerca condotta da Yonder per Workday, società leader delle applicazioni aziendali cloud per la gestione finanziaria e delle risorse umane sull’impatto della pandemia avuto nella vita lavorativa e sulla forza lavoro. Dello studio si è parlato oggi nel corso di una conferenza stampa on line con Federico Francini, Country manager, Workday, Italia, Livio Livi, direttore Hr Relazioni Esterne e Bms Kuwait Petroleum Italia, e Riccardo Donelli, People & Organization, Partner, Pwc, network multinazionale di imprese di servizi professionali.  

La ricerca è stata fatta tra ottobre e novembre 2020 cioè nella seconda fase della pandemia, attraverso la rilevazione di 17.054 sondaggi online in totale, in nove paesi europei, con dipendenti di livello inferiore a quello di direttore e che lavorano in un'organizzazione con più di 250 dipendenti. Rispetto al resto d'Europa, analizzando i dati, si vede che coloro che hanno maggiormente sofferto l'impatto emozionale della pandemia sul posto di lavoro sono le persone più giovani: la percentuale italiana del 49% si confronta infatti con una media europea del 38%. 

Il 54% dei giovani dipendenti ha dichiarato di credere che le sue possibilità di ottenere nuove responsabilità e skill si siano ridotte nel 2020, mentre i lavoratori più anziani sono più portati a considerare egoistico, in questo momento pensare alla carriera.  

Ma come è stata percepita da parte dei dipendenti la risposta della leadership? I leader italiani, stando alle risposte fornite a Yonder, sono in linea con i risultati europei: per il 51% dei lavoratori la leadership ha una visione chiara sul futuro a lungo termine dell'azienda, per il 49% i senior manager hanno dimostrato una leadership chiara e hanno fornito risorse sufficienti per permettere di offrire ai clienti un buon servizio, hanno lavorato in gruppo e informato. Questo ha fatto sì che il 53% dei lavoratori abbia compreso il ruolo che giocherà nel futuro dell'azienda, anche se solo il 28% si è sentita parte delle decisioni della leadership (dato però in linea con i Paesi europei).  

Anche per tutti questi motivi, spiega lo studio, nei prossimi 12 mesi in Italia il 22% dei dipendenti dichiara che probabilmente cercherà un nuovo datore di lavoro. E la percentuale sale al 33% nei giovani 18-34 anni. Il 23% dei dipendenti dichiara, invece, che probabilmente cercherà un nuovo posto di lavoro dopo la pandemia.  

Le maggiori motivazioni per cui i lavoratori stanno pensando di cambiare posto di lavoro sono: migliore formazione e più opportunità di crescita (auspicate dal 39% degli intervistati), una paga migliore (37%), un ruolo più interessante (31%), un livello più alto (26%).