Expo 2020, 15 tra architetti e ingegneri under 40 verso Dubai per il 'Rinascimento urbano' di Fondazione Inarcassa - il Centro Tirreno - Quotidiano online
Il sito "il Centro Tirreno.it" utilizza cookie tecnici o assimiliati e cookie di profilazione di terze parti in forma aggregata a scopi pubblicitari e per rendere più agevole la navigazione, garantire la fruizione dei servizi, se vuoi saperne di più leggi l'informativa estesa, se decidi di continuare la navigazione consideriamo che accetti il loro uso.
25
Sab, Set

Expo 2020, 15 tra architetti e ingegneri under 40 verso Dubai per il 'Rinascimento urbano' di Fondazione Inarcassa

Lavoro
Typography
  • Smaller Small Medium Big Bigger
  • Default Helvetica Segoe Georgia Times

Sono 20 le donne e 42 gli uomini che compongono la rosa dei 62 finalisti della call internazionale 'Rinascimento urbano' ideata e promossa da Fondazione Inarcassa in collaborazione con il commissariato generale per la partecipazione dell'Italia a

Expo 2020 Dubai e rivolta ad architetti under 40. Tutti giovani professionisti - rispettivamente 31 ingegneri e 31 architetti - con un’ottima conoscenza dell’Inglese tecnico, in grado di confrontarsi con colleghi e tutor emiratini e con all’attivo un valido portfolio di progetti e lavori già realizzati. Interessante notare come ben 17 finalisti abbiano meno di 30 anni. 

Circa il 55% delle candidature proviene dalle città del Nord Italia. Le regioni maggiormente rappresentate in termini di candidati finalisti sono la Lombardia (23%), la Toscana (12%), l’Emilia Romagna (11%), e il Piemonte (10%). Una rappresentanza significativa anche da parte dei professionisti del Veneto, delle Marche e della Sicilia. La città in assoluto più rappresentata è Bologna che da sola ha prodotto circa il 10% delle candidature complessivamente pervenute. 

La giuria avrà il compito di selezionare i 15 professionisti che usufruiranno della borsa di studio a copertura del viaggio e delle spese durante la tre giorni del workshop in programma dal 4 al 6 novembre al padiglione Italia, in occasione della Urban & rural development week.  

L’eccellenza italiana nell’architettura e nell’ingegneria che si confronterà a Expo 2020 Dubai, l'Esposizione universale in programma negli Emirati Arabi Uniti dal 1° ottobre 2021 al 31 marzo 2022, lavorerà sotto la guida di architetti e ingegneri di fama internazionale su un progetto di rinnovamento dell’area del Downtown Boulevard di Dubai, uno dei luoghi di maggior attrazione della capitale degli Emirati Arabi Uniti.  

A guidare i giovani professionisti ci saranno, tra gli altri, Guendalina Salimei e Paolo Desideri. All’evento di apertura del 4 novembre a Dubai interverrà anche Carlo Ratti, tra gli ideatori del progetto del Padiglione Italia. 

“La bellezza - sottolinea Franco Fietta, presidente della Fondazione Inarcassa - che unisce le persone, tema scelto dal Padiglione Italia per Expo 2020 Dubai, passa anche attraverso la valorizzazione delle eccellenze e del capitale umano. Gli architetti e gli ingegneri italiani, le cui competenze sono riconosciute e apprezzate in tutto il mondo, ne rappresentano di certo un esempio. In questo periodo, più che mai, è necessario ribadire l’importanza del ruolo dei professionisti del settore e siamo certi che l’Expo possa essere un’occasione di rilancio per uno dei settori produttivi più strategici per il nostro paese”.