Covid Italia, Cannas (Federmep): "Matrimoni ripartono ma serve chiarezza normativa" - il Centro Tirreno - Quotidiano online
Il sito "il Centro Tirreno.it" utilizza cookie tecnici o assimiliati e cookie di profilazione di terze parti in forma aggregata a scopi pubblicitari e per rendere più agevole la navigazione, garantire la fruizione dei servizi, se vuoi saperne di più leggi l'informativa estesa, se decidi di continuare la navigazione consideriamo che accetti il loro uso.
26
Dom, Set

Covid Italia, Cannas (Federmep): "Matrimoni ripartono ma serve chiarezza normativa"

Lavoro
Typography
  • Smaller Small Medium Big Bigger
  • Default Helvetica Segoe Georgia Times

"C'è ancora qualche nodo da sciogliere, perchè a livello normativo non è ancora tutto chiaro, ma siamo pronti a ospitare gli eventi che erano stati programmati per il 2020. Le nostre coppie hanno subito dei veri e propri

shock. Arrivano da un anno di pandemia, desiderano sposarsi e lo faranno anche con la versione 'più complessa' dell'evento". Così, con Adnkronos/Labitalia, Sabrina Cannas, segretaria generale di Federmep - Feder matrimoni ed eventi privati, associazione nazionale di categoria che rappresenta tutti i professionisti e le aziende del settore, sulla 'ripartenza' di matrimoni ed eventi dopo l'allentamento delle restrizioni per il Covid-19.  

Non saranno ancora i matrimoni pre-Covid ma i professionisti del settore sono pronti fare di tutto per rendere il matrimonio un giorno indimenticabile per sposi, parenti e amici. "Chiaramente le restrizioni ci saranno -ricorda Cannas che è proprietaria del Grand Hotel Pianeta Maratea che ha già ripreso ad ospitare matrimoni ed eventi- ma saremo pronti a gestirle perchè non si può fermare una festa dove la famiglia e il senso di comunione deve essere comunque sempre festeggiato".  

E' necessario ripartire, sottolinea Cannas, per ridare liquidità a un settore che più di altri ha sofferto l'effetto della pandemia. "Il Covid -spiega- ha annullato completamente il fatturato del settore eventi che è stato colpito con il 90% di fermo di tutte le attività, con l'aggravio del fatto che essendo un settore che lavora sulla programmazione da un anno all'altro è purtroppo ancora fermo sul 2021. Questo perchè manca la chiarezza normativa che permette al destination wedding e quindi alle coppie che arrivano dall'estero di potere programmare con chiarezza i loro eventi", aggiunge ancora. "Ma su questo noi non molliamo e continueremo a 'combattere' per potere collaborare con le forze al governo per trovare una quadra di tutta la situazione", conclude.