Sicilia: Cifa-Forma-Cenfop, per lavoro giovani non finanziare enti ma attività - il Centro Tirreno - Quotidiano online
Il sito "il Centro Tirreno.it" utilizza cookie tecnici o assimiliati e cookie di profilazione di terze parti in forma aggregata a scopi pubblicitari e per rendere più agevole la navigazione, garantire la fruizione dei servizi, se vuoi saperne di più leggi l'informativa estesa, se decidi di continuare la navigazione consideriamo che accetti il loro uso.
21
Mar, Set

Sicilia: Cifa-Forma-Cenfop, per lavoro giovani non finanziare enti ma attività

Lavoro
Typography
  • Smaller Small Medium Big Bigger
  • Default Helvetica Segoe Georgia Times

Secondo i recenti dati Istat in Sicilia il tasso di occupazione, che quantifica l’incidenza di chi lavora sul totale della popolazione residente, è al 41,5%. Gli inattivi sono 1.556.000 (di cui il 65% donne); 466 mila sono i neet.

Con l’avvio della seconda fase di Garanzia Giovani potrebbe aprirsi una prospettiva per questa vastissima platea, con formazione e tirocini a migliorare l’occupabilità. Ma le graduatorie recentemente pubblicate dalla Regione Sicilia non sembrano tener conto delle necessità di chi è in cerca di occupazione. Questo è il punto di vista di Cifa, confederazione datoriale, di CiForma, federazione Cifa che rappresenta enti di formazione in tutta Italia, di Forma Sicilia e di Cenfop Sicilia. Queste associazioni hanno inoltrato all’assessore competente, Antonio Scavone, una nota e una richiesta d’incontro. Scavone è assessore alla Famiglia, alle politiche sociali e al lavoro della Regione Sicilia, oggi presieduta da Nello Musumeci. 

Andrea Cafà, presidente di Cifa, ha dichiarato: "La ripartizione a tavolino a pochi enti delle risorse disponibili non risponde a logiche meritocratiche e non garantisce azioni di politiche attive uniformi sul territorio regionale. In un momento così delicato è necessario favorire l’azione diffusa e sinergica di tutte le agenzie per il lavoro al fine di garantire pari opportunità ad aziende e lavoratori che devono scegliere l’agenzia cui rivolgersi in un regime di libera concorrenza fra gli operatori del mercato del lavoro. Ecco perché chiediamo l’immediato ritiro delle graduatorie e l’attivazione, altrettanto immediata, di un avviso a sportello. Serve invertire la tendenza e porre persone e aziende al centro delle politiche di spesa".  

Per Gabriele Leanza, presidente di Forma Sicilia, "criteri di selezione quanto meno discutibili e nessuna valutazione sulla capacità organizzativa e sulla disponibilità reale di aziende e disoccupati sul territorio: con questi presupposti la spesa di Garanzia Giovani non può produrre risultati".  

Secondo Lucia Alfieri, presidente di CiForma, “si è già virtuosamente sperimentata la metodologia a sportello: l’agenzia che ha disoccupati e azienda pronti ad attivare un tirocinio deve avere la possibilità di concretizzare con velocità l’inserimento; e tutti concorrono fino all’esaurimento delle risorse. Si garantisce così un’azione just in time e si evitano sprechi e lungaggini".  

Conclude Massimo Papa, di Cenfop Sicilia: "A una prima disamina della graduatoria, risultano attribuite risorse superiori a quelle previste per gli enti dotati di accreditamento iniziale; inoltre, molte delle istanze finanziate contengono numeri di tirocini e/o di corsi attivabili che sono a dir poco fantasiosi e nessuna garanzia di copertura dei poli produttivi e dei territori a maggiore densità di aziende. Continuiamo così a finanziare enti e non attività".