Associazione visuristi: "Almeno 3 anni per processi tecnici applicativi riforma catasto"
Il sito "il Centro Tirreno.it" utilizza cookie tecnici o assimiliati e cookie di profilazione di terze parti in forma aggregata a scopi pubblicitari e per rendere più agevole la navigazione, garantire la fruizione dei servizi, se vuoi saperne di più leggi l'informativa estesa, se decidi di continuare la navigazione consideriamo che accetti il loro uso.
25
Mer, Mag

Associazione visuristi: "Almeno 3 anni per processi tecnici applicativi riforma catasto"

Lavoro
Typography
  • Smaller Small Medium Big Bigger
  • Default Helvetica Segoe Georgia Times

"La riforma del catasto, una volta avviata, avrà tempi per i processi tecnici applicativi di almeno tre anni nei quali evidentemente dovranno esser presi in considerazione aspetti di carattere squisitamente tecnico e conseguentemente di

carattere fiscale". Lo dice all'Adnkronos/Labitalia Mario Bulgheroni, esperto di catasto e presidente Avi, Associazione professionale esperti visuristi italiani. "Il processo di rivalutazione catastale - spiega - unito ad una adeguata visura ipotecaria, farà sicuramente emergere gli immobili non censiti e quindi in 'esenzione' fiscale. In questo caso, favorirebbe un gettito fiscale discretamente importante che andrebbe a colmare un'evasione a beneficio di tutti". 

"La riforma del catasto innanzitutto - sottolinea - non deve influenzare la prima casa, ma comunque, ritengo, debba essere allineata alla valutazione di carattere commerciale, con i dovuti accorgimenti che permettano l'invarianza su coloro che sono ad oggi censiti".  

"Lo sforzo della riforma del catasto - dice - sarà quello di trovare un algoritmo con gli opportuni fattori che tengano conto delle innumerevoli varianti, per arrivare ad avere una ripartizione equa degli oneri". 

 

Ho scritto e condiviso questo articolo
Author: Red AdnkronosWebsite: http://ilcentrotirreno.it/Email: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.