Calabria, Ferarra (Unindustria): "Grande credito a Occhiuto, adesso subito misure per economia"
Il sito "il Centro Tirreno.it" utilizza cookie tecnici o assimiliati e cookie di profilazione di terze parti in forma aggregata a scopi pubblicitari e per rendere più agevole la navigazione, garantire la fruizione dei servizi, se vuoi saperne di più leggi l'informativa estesa, se decidi di continuare la navigazione consideriamo che accetti il loro uso.
19
Ven, Ago

Calabria, Ferarra (Unindustria): "Grande credito a Occhiuto, adesso subito misure per economia"

Lavoro
Typography
  • Smaller Small Medium Big Bigger
  • Default Helvetica Segoe Georgia Times

"Se questi primi dati verranno confermati, vorrà dire che i calabresi hanno dato grande credito a Occhiuto, forse anche sulla scia del lavoro incompiuto per la scomparsa della presidente Santelli. Quel che è certo è che per

la Calabria il momento è adesso: vanno messe subito in campo misure economiche efficaci per incentivare gli investimenti delle aziende per trasformare l'economia della nostra regione. O adesso o mai più: il divario con il resto del Paese si allargherebbe troppo e non riusciremmo a colmarlo". Così, con Adnkronos/Labitalia, il presidente di Unindustria Calabria, Aldo Ferrara, commenta il I exit poll 'Consorzio Opinio Italia per Rai' sulle elezioni regionali in Calabria, secondo cui il candidato di centrodestra Roberto Occhiuto è in testa con il 46,5-50,5%, a seguire la candidata di centrosinistra Amalia Cecilia Bruni 24-28%, Luigi de Magistris è al 21-25% mentre Mario Gerardo Oliverio è al 1,5-3,5%. 

Secondo Ferrara, "l'occasione che abbiamo in questo momento per 'svoltare' la condizione economica della nostra regione non ricapiterà più". "Noi siamo pronti -aggiunge- ma serve anche un governo regionale, con una giunta speriamo di alto profilo, capace di spendere al meglio le ingentissime risorse del Pnrr e della programmazione economica europea che arriveranno nella nostra regione, come mai accaduto finora".  

Serve una 'nuova' Calabria, rimarca Ferrara. "Siamo nel pieno di una transizione energetica, economica, digitale e noi dobbiamo riuscire a intercettare questa opportunità, che non ricapiterà più, per recuperare il divario rispetto alle altre regioni", aggiunge ancora. Unindustria è pronta. "Ma è necessario -aggiunge- che ci sia anche una burocrazia capace di mettere in pratica quanto deliberato dalla politica, e concordato con parti sociali ed economiche", conclude.  

Ho scritto e condiviso questo articolo
Author: Red AdnkronosWebsite: http://ilcentrotirreno.it/Email: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.