Green Pass, Ruggerone (Assologistica): "Con obbligo green pass logistica in crisi, rischio scaffali negozi vuoti' - il Centro Tirreno - Quotidiano online
Il sito "il Centro Tirreno.it" utilizza cookie tecnici o assimiliati e cookie di profilazione di terze parti in forma aggregata a scopi pubblicitari e per rendere più agevole la navigazione, garantire la fruizione dei servizi, se vuoi saperne di più leggi l'informativa estesa, se decidi di continuare la navigazione consideriamo che accetti il loro uso.
24
Dom, Ott

Green Pass, Ruggerone (Assologistica): "Con obbligo green pass logistica in crisi, rischio scaffali negozi vuoti'

Lavoro
Typography
  • Smaller Small Medium Big Bigger
  • Default Helvetica Segoe Georgia Times

"La situazione è preoccupante. Non si è intervenuti per tempo, non ci si è confrontati, non sono arrivate le risposte chiare e precise che servivano, e adesso a poche ore dall'entrata in vigore dell'obbligo del green pass per

i lavoratori privati il rischio è che il sistema logistico non riesca a garantire il servizio a imprese e cittadini". E' l'allarme che lancia, intervistato da Adnkronos/Labitalia, Umberto Ruggerone, presidente di Assologistica, la realtà associativa delle imprese di logistica, dei magazzini generali e frigoriferi, dei terminalisti portuali, interportuali ed aeroportuali, che rappresenta oltre 250 aziende associate che operano in Italia.  

"La logistica -spiega Ruggerone- è fatta di interconnessione e collegamenti, non basa solo sulla situazione italiana, ma si basa su collegamenti mondiali. E' questo che non si è capito, su questo il governo doveva coinvolgerci con la discussione e il confronto", continua.  

Secondo Ruggerone "se non si troveranno soluzioni condivise sull'obbligo del green pass, gli effetti sul sistema della logistica saranno tali che l'ipotesi che gli scaffali dei supermercati restino vuoti e che le imprese restino senza materie prime e semilavorati non è remota, è uno scenario possibile" nelle prossime settimane.  

E Ruggerone ricorda "che la logistica in questi 18 mesi di pandemia non è mai fermata, le imprese hanno resistito a un aumento dei costi impressionante, basti pensare al +600% del costo dei noli portuali". 

Per Ruggerone "sono tantissimi i lavoratori del comparto senza green pass o che non possono esibirlo. Si passa da una percentuale del 15% nelle imprese italiane che si occupano di magazzini fino a una percentuale del 40% tra chi lavora nei porti. E poi ci sono i lavoratori stranieri, come quelli dell'Est Europa che sono vaccinati con Sputnik che non è riconosciuto da Ema e anche i lavoratori turchi che provengono da un paese dove non è previsto il Green pass". 

Secondo il presidente di Assologistica "serve subito un tavolo con il governo, le imprese della logistica e la committenza per affrontare le ricadute dell'obbligo del green pass sulle imprese della logistica. Servono soluzioni condivise e anche la committenza deve essere coinvolti perchè non accetteremo più che vengano addebitati a noi ritardi nella consegna delle merci che non dipendono dalla nostra volontà".