Cybersecurity, l'esperto Matteo Flora: 'Anello debole è sempre l'essere umano'
Il sito "il Centro Tirreno.it" utilizza cookie tecnici o assimiliati e cookie di profilazione di terze parti in forma aggregata a scopi pubblicitari e per rendere più agevole la navigazione, garantire la fruizione dei servizi, se vuoi saperne di più leggi l'informativa estesa, se decidi di continuare la navigazione consideriamo che accetti il loro uso.
02
Sab, Lug

Cybersecurity, l'esperto Matteo Flora: 'Anello debole è sempre l'essere umano'

Lavoro
Typography
  • Smaller Small Medium Big Bigger
  • Default Helvetica Segoe Georgia Times

"Con il Covid qualcuno per la prima volta si è trovato a stare ore e ore al computer e le persone pensano di essere sicuri in rete, capaci di riuscire a gestire i normali rischi della rete, ma le statistiche ci dicono che hanno torto.

L'anello debole è sempre stato l'essere umano. L'esempio della Regione Lazio è emblematico, sono entrati da un utente". A dirlo Matteo Flora, docente in Corporate reputation & business storytelling e founder di The Fool, intervenendo al #FestivalFuturo 2021, l'appuntamento di Altroconsumo volto a indagare i cambiamenti in atto nella nostra società attraverso momenti di discussione e confronto con esperti, professionisti e rappresentanti di diversi settori. 

"Oltre il 99% - spiega - degli attacchi phishing è sventato attraverso l'autotenticazione a due fattori. Un metodo di autenticazione sicura per sistemi e piattaforme informatiche e consiste nell’utilizzo di due metodi invece che uno, ad esempio l'inserimento di una password e la scansione dell'impronta digitale. Questo sistema protegge efficacemente gli account perché aggiunge un livello di sicurezza in più, rendendo più difficile l'accesso ad hacker e utenti non autorizzati". 

 

 

Ho scritto e condiviso questo articolo
Author: Red AdnkronosWebsite: http://ilcentrotirreno.it/Email: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.