Covid, da pandemia crescita bisogni tecnologie per 80% avvocati Ue e Usa
Il sito "il Centro Tirreno.it" utilizza cookie tecnici o assimiliati e cookie di profilazione di terze parti in forma aggregata a scopi pubblicitari e per rendere più agevole la navigazione, garantire la fruizione dei servizi, se vuoi saperne di più leggi l'informativa estesa, se decidi di continuare la navigazione consideriamo che accetti il loro uso.
10
Mer, Ago

Covid, da pandemia crescita bisogni tecnologie per 80% avvocati Ue e Usa

Lavoro
Typography
  • Smaller Small Medium Big Bigger
  • Default Helvetica Segoe Georgia Times

Il settore legale ritiene che la trasformazione digitale e l’utilizzo della tecnologia siano fondamentali per ottenere risultati migliori con servizi ad alto valore che garantiscano maggiori produttività, efficienza e prestazioni.

E’ quanto si legge nella ricerca ‘2021 Wolters Kluwer future ready lawyer survey: moving beyond the pandemic’ che include le opinioni di 700 avvocati in nove Paesi europei e negli Stati Uniti. La pandemia ha accelerato la digital transformation nel settore legale: l’80% degli avvocati ha evidenziato un incremento del bisogno di soluzioni tecnologiche in funzione della pandemia. Se da un lato la pandemia continua a esercitare la sua pressione sul settore legale a livello internazionale, le attività agili che durante la crisi hanno adottato nuovi metodi di lavoro ne emergeranno più forti di prima. 

Complessivamente, il 36%, o una percentuale inferiore, degli avvocati afferma che la propria attività è particolarmente preparata a stare al passo con i trend più significativi che secondo loro avranno un impatto nei prossimi tre anni. I due principali trend che i professionisti legali ritengono avranno l'impatto maggiore sulle loro attività nei prossimi tre anni sono la crescente importanza della tecnologia legale (77%) e la gestione di una maggiore quantità di informazioni più complesse (77%).  

Solo il 33% ha tuttavia dichiarato che la propria attività è preparata a gestire la crescente importanza della tecnologia legale e solo il 32% ritiene di essere molto preparato a gestire una maggiore quantità di informazioni più complesse. La crescita degli ‘alternative legal service’ (Alsp) è stata indicata come la dinamica a maggiore crescita rispetto al 2020, registrando un aumento di 6 punti e attestandosi a quota 74% nel 2021. Al secondo posto si è posizionata la gestione di una maggiore quantità di informazioni più complesse, con un incremento di 5 punti a quota 77%.  

Il 57% dei corporate legal office afferma di voler incrementare gli investimenti tecnologici, in crescita rispetto al 51% del 2020. I principali cambiamenti che i corporate legal office prevedono nei prossimi tre anni includono: un maggiore utilizzo della tecnologia per migliorare la produttività, una maggiore collaborazione e trasparenza tra studio legale e cliente, una maggiore attenzione all’innovazione e un maggiore utilizzo di metodi di parcellazione alternativi. Alcune delle principali tecnologie in cui i corporate legal office intendono investire sono: strumenti di collaborazione per la redazione/revisione di documenti e contratti; creazione automatica di documenti e contratti, gestione digitalizzata delle riunioni aziendali e delle attività di voto, automazione della gestione dei flussi di lavoro e dei processi e gestione dei flussi di lavoro relativi a documenti e contratti.  

Alcune delle principali sfide che i corporate legal office devono affrontare sono: automatizzare le attività di routine e fare leva sulla tecnologia nei processi lavorativi, ridurre/controllare i costi legali esterni e gestire le crescenti richieste dirette all’ufficio legale aziendale. L’82% dei corporate legal office ritiene importante che gli studi legali con cui collaborano facciano leva appieno sulla tecnologia. L’impatto atteso generato dalle tecnologie trasformazionali è cresciuto a tutti i livelli.  

Secondo il 75% dei corporate legal office i big data e l’analisi predittiva avranno un impatto sulle loro attività nei prossimi tre anni, in crescita rispetto al 67% nel 2020. Meno di un terzo dichiara di conoscere molto bene queste tecnologie. Per far fronte alla pressione dettata dal budget il 78% dei corporate legal office si attende un maggiore utilizzo di metodi di parcellazione alternativi. In crescita rispetto al 2020 sono risultati l’impiego atteso di risorse di terzi, l’impiego di personale a contratto, l’uso di Alsp e l’impiego di personale che non esercita la professione legale. Si prevede inoltre una maggiore internalizzazione delle attività legali.  

Il 63% degli studi legali afferma di voler incrementare gli investimenti tecnologici, in aumento rispetto al 60% nel 2020. In futuro, la maggior parte degli studi legali si aspetta di osservare un cambiamento nel modo in cui offre i servizi. I principali cambiamenti che gli studi legali prevedono di dover affrontare nei prossimi tre anni includono: una maggiore specializzazione dei servizi legali offerti, un maggiore utilizzo della tecnologia per migliorare la produttività, una maggiore attenzione verso l’innovazione e una maggiore collaborazione e trasparenza tra studi legali e clienti. Le principali tecnologie in cui gli studi legali intendono investire includono: firma elettronica, creazione automatica di documenti e contratti, strumenti di collaborazione per la redazione/revisione di documenti e contratti, gestione dei flussi di lavoro relativi a documenti e contratti e servizi cloud-based.  

Gli studi legali stanno accelerando le iniziative volte a migliorare l’efficienza, la produttività e i servizi ai clienti. Il 74% dichiara di investire in nuove tecnologie per supportare le attività aziendali e il lavoro dei clienti, il 42% sta creando una funzione dedicata all’innovazione e un focus specifico, il 42% sta formalizzando il processo di feedback dei clienti. Tutte le iniziative evidenziano una crescita rispetto al 2020.  

L’impatto atteso generato dalle tecnologie trasformazionali risulta in crescita. Secondo il 69% degli studi legali aziendali i big data e l’analisi predittiva avranno un impatto sulle loro attività nei prossimi tre anni, in aumento rispetto al 58% nel 2020. Solo il 22% dichiara tuttavia di conoscere molto bene queste tecnologie. Meno del 36% degli studi legali ritiene di essere preparato in fatto di tecnologie fondamentali, orientamento al cliente, aspetti organizzativi e relativi al personale di rilevanza per lo studio stesso. 

 

Ho scritto e condiviso questo articolo
Author: Red AdnkronosWebsite: http://ilcentrotirreno.it/Email: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.