Infrastrutture: il 'Bim&digital award' premia Harpaceas per la soluzione 'Ponti sicuri
Il sito "il Centro Tirreno.it" utilizza cookie tecnici o assimiliati e cookie di profilazione di terze parti in forma aggregata a scopi pubblicitari e per rendere più agevole la navigazione, garantire la fruizione dei servizi, se vuoi saperne di più leggi l'informativa estesa, se decidi di continuare la navigazione consideriamo che accetti il loro uso.
10
Mer, Ago

Infrastrutture: il 'Bim&digital award' premia Harpaceas per la soluzione 'Ponti sicuri

Lavoro
Typography
  • Smaller Small Medium Big Bigger
  • Default Helvetica Segoe Georgia Times

Mentre sono in corso di aggiornamento le linee guida Mims del dicembre 2020 per il monitoraggio di ponti, viadotti e cavalcavia, la quinta edizione del 'Bim&Digital Award' premia Harpaceas Srl, società primaria sui servizi e la

formazione correlati al Bim, per la soluzione Bim based 'Ponti Sicuri' che prevede l’acquisizione digitale dei dati ispettivi sull’opera infrastrutturale, la determinazione della classe di rischio, la modellazione Bim e la condivisione delle informazioni, finalizzate agli eventuali interventi, sulla piattaforma del gestore dell’opera. 

'Ponti Sicuri', nato da un progetto di ricerca scientifica in sinergia con il dipartimento di ingegneria civile e industriale dell'università di Pisa, consente la razionalizzazione dei dati storici sui materiali, una gestione efficace per la collaborazione ispettiva e manutentiva, un database cronologico unico e la disponibilità digitale e comparativa delle risultanze ispettive, ma anche un modello Bim navigabile per integrazione in real time in cantiere.  

“La Missione 3 del Pnrr ha tra gli obiettivi l’introduzione di sistemi digitali di monitoraggio da remoto per la eventuale messa in sicurezza di ponti e viadotti troppo spesso ammalorati", spiega Luca Ferrari, direttore generale di Harpaceas. "La tecnologia digitale -continua Ferrari- offre un terreno di cruciale sinergia e coordinamento tra proprietari, gestori, tecnici e manutentori dell’opera, in modo da garantire una corretta valutazione dello stato del manufatto, dei rischi e dei possibili interventi necessari. Tutti passaggi decisivi nell’ottica della preservazione del nostro patrimonio infrastrutturale, spesso vetusto e bisogno di grandi piani di investimento". "Ma siccome la sostenibilità ambientale ed economico-sociale, anche grazie al Recovery plan, è ormai un tema ineludibile -conclude Ferrari- il Bim assicura maggiore rapidità nelle varie fasi della procedura, reperibilità continua di informazioni sempre aggiornate, con conseguente riduzione dei costi per gli stakeholder coinvolti”. 

Ho scritto e condiviso questo articolo
Author: Red AdnkronosWebsite: http://ilcentrotirreno.it/Email: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.