Immobili, dal Verme (Ag. Demanio): "Digitalizzati oltre 2mila beni Stato, 20% del prefissato"
Il sito "il Centro Tirreno.it" utilizza cookie tecnici o assimiliati e cookie di profilazione di terze parti in forma aggregata a scopi pubblicitari e per rendere più agevole la navigazione, garantire la fruizione dei servizi, se vuoi saperne di più leggi l'informativa estesa, se decidi di continuare la navigazione consideriamo che accetti il loro uso.
26
Dom, Giu

Immobili, dal Verme (Ag. Demanio): "Digitalizzati oltre 2mila beni Stato, 20% del prefissato"

Lavoro
Typography
  • Smaller Small Medium Big Bigger
  • Default Helvetica Segoe Georgia Times

Sul processo di digitalizzazione dei dati sul patrimonio immobiliare dello Stato "molto è stato fatto: è già stato digitalizzato il 20% di quanto prefissato, ossia più di 2mila beni, che ora sono in fase di

condivisione dei dati con gli operatori coinvolti nella progettazione degli edifici e con l’utente dell’immobile, attraverso una piattaforma molto evoluta a cui l’Agenzia sta lavorando". A dirlo, in un'intervista ad Adnkronos/Labitalia, è Alessandra dal Verme, direttore dell'Agenzia del Demanio.  

Secondo dal Verme, "sarà comunque necessario sviluppare una strategia di digitalizzazione che sia complessiva e che includa già nelle piattaforme e nel fascicolo dell’immobile tutte le informazioni dei diversi processi operativi, da quelli che riguardano progettazione e lavori a quelli inerenti alla gestione del patrimonio pubblico". 

"Il digitale è già insito nei processi dell’Agenzia: tutti gli interventi sono realizzati con l’uso della cosiddetta metodologia Bim (Building information modelling), che crea modelli tridimensionali e in grado di rappresentare in formato già digitale tutte le caratteristiche architettoniche, strutturali, tecnologiche e di performance degli edifici. L’Agenzia consegna così al committente pubblico un immobile non solo rigenerato e sostenibile per l’ambiente circostante, ma anche la possibilità di gestirlo digitalmente con una manutenzione di tipo predittivo, riducendo enormemente costi e sprechi nella vita dell’immobile", afferma. 

"Digitalizzare vuol dire anche approfondire la conoscenza degli aspetti tecnici degli immobili. Conoscere il patrimonio pubblico e i singoli edifici consente una gestione attenta dei costi, per ridurre gli sprechi e offrire al cittadino e alla Pubblica amministrazione spazi moderni, sostenibili, adeguati e adeguabili ai cambiamenti, in coerenza anche con le linee di indirizzo europee. Una nuova faccia dell’immobile pubblico che curi la città", sottolinea. Inoltre, "digitalizzazione e sostenibilità -spiega- vanno di pari passo. Non è possibile pensare di migliorare i servizi al cittadino, assicurare tempi veloci di esecuzione e minimizzazione dei costi, dare attenzione all’ambiente, al paesaggio, alla resilienza ai cambiamenti climatici, senza l’uso degli strumenti digitali più avanzati".  

"La logistica degli uffici della pubblica amministrazione è determinante per la modernizzazione della Pa e per l’inserimento di giovani nuove leve in un contesto efficiente. Vogliamo dare al cittadino la percezione di vivere in un Paese governato da uno Stato moderno, digitale e attento all’ambiente, con una Pa affidabile, non più relegata, com’è oggi, in fondo alla graduatoria Ue sulla fiducia che le accordano i cittadini", aggiunge dal Verme. 

"La digitalizzazione non può che passare in primo luogo dalle risorse umane e strumentali. Su questo, quindi, si sono concentrati gli investimenti. L’obiettivo è, infatti, creare e gestire un patrimonio informativo che permetta di guidare le politiche e le strategie sia in fase di programmazione che di realizzazione delle opere, di assicurare trasparenza e riduzione di tempi e costi di realizzazione, di rischio di contenziosi e di varianti in corso d’opera, ma anche di offrire certezze sui fabbisogni rigorosi in fase di gestione e manutenzione sostenibile dell’opera. Le attività di sviluppo 2022, pertanto, riguarderanno la realizzazione di una piattaforma evoluta per gestire la fase di realizzazione degli interventi edilizi e per la creazione di supporti specifici di condivisione di informazioni accessibili a tutti gli stakeholder sul patrimonio (Amministrazioni utilizzatrici, operatori economici, quali le imprese di servizi per la Pa, progettisti...)", sostiene.  

"Ma è previsto -spiega Dal Verme- anche il potenziamento degli strumenti tecnici e il piano formativo del personale , nonché l’acquisizione di nuove professionalità dedicate alla contaminazione all’interno del pensare digitale". "Per esempio, tra i programmi di investimento più importanti sul patrimonio pubblico c’è la messa in sicurezza dal rischio sismico e l’efficientamento energetico con circa 500 audit completati, 1.700 in corso e 6.000 programmati a breve da cui scaturiscono gli interventi di miglioramento. Tutto gestito digitalmente", prosegue. 

"Il fascicolo digitale è in fase di sviluppo e riguarda tutti gli immobili su cui intervengono le varie attività dell’Agenzia. Ed è proprio per questo che è urgente digitalizzare tutti i processi operativi dell’Agenzia", rimarca. "Digitalizzare -spiega- serve a rendere la gestione dell’immobile più semplice. Nei modelli digitali saranno, quindi, presenti tutte le informazioni relative al fabbricato. Questo servirà a comporre il cosiddetto 'Fascicolo Digitale' multidimensionale e flessibile, in grado di trasformare i dati tecnici (come vincoli, caratteristiche tecniche, rilievi, costi, tempi...) in modalità gestionali ottimali (piano di manutenzione dell’opera, controllo digitale dei parametri di esercizio, attività predittiva in luogo degli interventi a guasto, etc.)".  

"Le opportunità sono già insite negli obiettivi che l’Europa ci ha dato con il Pnrr: più sostenibilità, innovazione e digitalizzazione, una Pa moderna e una spinta alla crescita dell’Italia. Per l’Agenzia, questi obiettivi si traducono in una nuova visione del patrimonio immobiliare, che passerà attraverso un cambio culturale di servizio al Paese e al cittadino e grazie alla riqualificazione degli immobili che si inseriscono nei territori", afferma poi sulle opportunità, sulla strada della digitalizzazione, che possono arrivare dal Pnrr.  

"L’Agenzia -prosegue- è interessata agli interventi di rigenerazione sostenibile urbana a fini sociali (come edilizia universitaria, residenze, edilizia per infrastrutture di ricerca, housing sociale, etc), di riqualificazione di immobili per la Giustizia e per la logistica moderna delle amministrazioni statali, di efficientamento energetico e messa in sicurezza dal rischio sismico e molto ancora. Non potevamo avere di più, ora sta a noi lavorare". 

"Abbiamo programmato nel Piano degli investimenti oltre 3 miliardi in 5 anni, cui si aggiungono quelli attivabili attraverso la Struttura per la progettazione. Tutti questi interventi sono digitalizzati, anche quelli di dimensioni minori", conclude.  

 

 

Ho scritto e condiviso questo articolo
Author: Red AdnkronosWebsite: http://ilcentrotirreno.it/Email: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.