Federmobilità: "Parte debole catena è ente locale, serve maggiore preparazione"
Il sito "il Centro Tirreno.it" utilizza cookie tecnici o assimiliati e cookie di profilazione di terze parti in forma aggregata a scopi pubblicitari e per rendere più agevole la navigazione, garantire la fruizione dei servizi, se vuoi saperne di più leggi l'informativa estesa, se decidi di continuare la navigazione consideriamo che accetti il loro uso.
26
Dom, Giu

Federmobilità: "Parte debole catena è ente locale, serve maggiore preparazione"

Lavoro
Typography
  • Smaller Small Medium Big Bigger
  • Default Helvetica Segoe Georgia Times

"Credo che fino ad oggi abbiamo parlato di temi e soggetti importanti, ma anche di cosa vuole il cittadino e di quello che fanno le aziende. Oggi abbiamo davanti questa grande sfida e se noi non riusciamo a sfruttare i soldi che ci sono, ci

troveremo in difficoltà. La parte debole della catena è l’ente locale". Così il vicepresidente di Federmobilità, Corrado Ghirardelli, ieri nel corso del suo intervento alla prima giornata del XVI Convegno Nazionale di Asstra in svolgimento a Roma dal titolo: Next Generation Mobility. 

"Se non riuscissimo a trovare un accordo tra tutti gli enti per fare le scelte importanti di cui c’è bisogno, ci troveremo in grande difficoltà nel recepire i fondi del Pnrr. Serve un impegno e una preparazione più grande da parte dell’ente pubblico e locale e servono delle scelte decise per favorire sempre di più il trasporto pubblico. Bisogna intervenire su questo, altrimenti non si raggiungerà il risultato", conclude. 

Ho scritto e condiviso questo articolo
Author: Red AdnkronosWebsite: http://ilcentrotirreno.it/Email: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.