Bollette, Vignola (Unc): "1.000 euro in più per luce e gas, da governo solo 'pezzetta'"
Il sito "il Centro Tirreno.it" utilizza cookie tecnici o assimiliati e cookie di profilazione di terze parti in forma aggregata a scopi pubblicitari e per rendere più agevole la navigazione, garantire la fruizione dei servizi, se vuoi saperne di più leggi l'informativa estesa, se decidi di continuare la navigazione consideriamo che accetti il loro uso.
21
Ven, Gen

Bollette, Vignola (Unc): "1.000 euro in più per luce e gas, da governo solo 'pezzetta'"

Lavoro
Typography
  • Smaller Small Medium Big Bigger
  • Default Helvetica Segoe Georgia Times

"A questi ritmi le bollette luce e gas cresceranno di 1.000 euro all'anno per i consumatori. Oltretutto luce e gas sono le vere componenti che stanno determinando l'aumento dei prezzi di produzione dei prodotti di consumo e sono, rispetto alla

benzina, aumentati di molto nell'ultimo anno. Il governo qualcosa l'ha fatto, ma è una pezza, anzi una 'pezzetta'. Nell'ultimo trimestre, nonostante i 3,8 mld che il governo ha messo contro il caro-bollette, abbiamo avuto un aumento del costo della materia prima delle bollette elettriche del 55% e del gas del 42%". Lo dice ad Adnkronos/Labitalia Marco Vignola, responsabile del settore energia dell’Unione Nazionale Consumatori. Vignola e non nasconde la "delusione" per l'ulteriore mancato intervento del governo contro il caro-bollette in questo trimestre. "Trimestre in cui -ricorda- si concentra il 50% dei consumi di gas, mentre dal 15 aprile i caloriferi sono addirittura spenti. Quindi è evidente che un aiuto sarebbe ben più utile ora e non nei trimestri a seguire”, rimarca. 

"Il governo è intervenuto con circa 9 miliardi negli ultimi tre trimestri per calmierare le bollette, che comunque sono aumentate. Certo se non ci fossero stati neanche questi 9 miliardi, sarebbero aumentate ancora di più". Ma c'è ancora da fare, avverte l'esperto dell'Unc. "Intanto -spiega Vignola- sul mercato interno italiano, le bollette vanno 'ripulite' da tutte quelle voci che con il consumo e con l'elettricità e il gas hanno poco a che fare: e cioè gli oneri di sistema. Che infatti sono quelli che sono stati azzerati ora per ridurre l'impatto sui consumatori", avverte. 

"Poi è necessario che il governo destini il ricavato delle aste della Co2 in maniera strutturale al mercato elettrico, in maniera tale da mettere lì i proventi delle aste che giustamente vengono fatte per la riduzione della Co2", aggiunge l'esponente dell'Unc. "Inoltre bisogna verificare se in questo periodo, ci sono - e sicuramente ci sono- aziende produttrici che hanno fatto degli extra profitti, perché -dice Vignola- pur avendo una produzione con costi marginali minimi vendono su un mercato in cui il prezzo lo fa il gas e quindi vendono a prezzi altissimi. Mi riferisco ai produttori di energia idroelettrica, rinnovabile e con centrali a gas", conclude. 

 

 

Ho scritto e condiviso questo articolo
Author: Red AdnkronosWebsite: http://ilcentrotirreno.it/Email: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.