Anief, su sospensione personale scolastico non vaccinato ricorso in Consiglio Stato
Il sito "il Centro Tirreno.it" utilizza cookie tecnici o assimiliati e cookie di profilazione di terze parti in forma aggregata a scopi pubblicitari e per rendere più agevole la navigazione, garantire la fruizione dei servizi, se vuoi saperne di più leggi l'informativa estesa, se decidi di continuare la navigazione consideriamo che accetti il loro uso.
08
Lun, Ago

Anief, su sospensione personale scolastico non vaccinato ricorso in Consiglio Stato

Lavoro
Typography
  • Smaller Small Medium Big Bigger
  • Default Helvetica Segoe Georgia Times

Il Tar Lazio respinge la richiesta di ordinanza cautelare di sospensione del personale scolastico. Anief presenterà appello in Consiglio di Stato e ricorsi in diversi tribunali del lavoro avverso le sospensioni. Sono 6 mila gli insegnanti

e gli amministrativi sospesi.  

"Tra le motivazioni infondate -si legge nella nota di Anief- anche la possibilità dei lavoratori non vaccinati di poter svolgere altro lavoro (dal 15 febbraio nessuno potrà lavorare), di poter lavorare in sicurezza a scuola (le classi non rispettano i criteri sul distanziamento negli spazi chiusi), il dovere di rispettare la volontà politica di svolgere le lezioni in presenza e le valutazioni di carattere medico-scientifiche rispetto alle opinioni personali (non esiste un obbligo vaccinale per la popolazione), di potersi comunque non vaccinare se fragili (quindi i non ricorrenti), di non poter invocare il rispetto della normativa europea sul principio di non discriminazione e sulla libertà di pensiero (che quindi sono riconosciuti) a fronte del bilanciamento dei diritti fondamentali sulla salute e istruzione pubblica (contro la gerarchia delle fonti)".  

Anief apre fin dai prossimi giorni la raccolta delle adesioni per appellare in Consiglio di Stato e annuncia la notifica dei primi ricorsi presso i tribunali del lavoro in attesa della pronuncia della Corte di giustizia europea sulla causa promossa dal tribunale di Padova per l'obbligo imposto già al personale sanitario. Marcello Pacifico, leader Anief, ritiene che ci siano “tutti i presupposti per far annullare dal Consiglio di Stato tale ordinanza che tutto dice tranne che in punto di diritto. Ad ogni modo, quell'Europa che oggi è stata ignorata si pronuncerà entro un anno su un obbligo vaccinale che non ha alcun fondamento giuridico nel nostro ordinamento euro-unitario. E a quel punto tutti i docenti sospesi che hanno inviato le nostre diffide potranno chiedere il risarcimento non soltanto dello stipendio non avuto, ma dei danni materiale e morali subiti”. 

 

Ho scritto e condiviso questo articolo
Author: Red AdnkronosWebsite: http://ilcentrotirreno.it/Email: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.