Mutti racconta con cortometraggio 'Ugo storia di una piccola grande idea'
Il sito "il Centro Tirreno.it" utilizza cookie tecnici o assimiliati e cookie di profilazione di terze parti in forma aggregata a scopi pubblicitari e per rendere più agevole la navigazione, garantire la fruizione dei servizi, se vuoi saperne di più leggi l'informativa estesa, se decidi di continuare la navigazione consideriamo che accetti il loro uso.
10
Mer, Ago

Mutti racconta con cortometraggio 'Ugo storia di una piccola grande idea'

Lavoro
Typography
  • Smaller Small Medium Big Bigger
  • Default Helvetica Segoe Georgia Times

(Adnkronos) - Di cosa è frutto l’innovazione? Inventiva, perseveranza e sentimento. È così che il genio creativo di Mutti, azienda leader in Europa nel mercato del pomodoro, rivive nel progetto cinematografico

“Ugo, storia di una piccola grande idea”. 

Ideato e firmato da Epik, prodotto da Indiana Production per la regia di Stefano Lodovichi, il cortometraggio si sviluppa intorno al valore dell’innovazione e a ciò che di più rivoluzionario il gruppo di Parma ha introdotto sul mercato negli anni ’50: il tubetto per contenere il pomodoro concentrato così da allungarne i tempi di conservazione ed evitarne lo spreco. Un’icona della cucina Made in Italy e non solo. Il suo tappo a forma di ditale verrà infatti usato da un’intera generazione nel lavoro di cucito. 

Il film, andato in onda in esclusiva su Canale 5 martedì 1° marzo alle 20.45 prima della semifinale di Coppa Italia, segna un evento unico in termini di pianificazione media per la sua durata di 5 minuti in prime time. La storia si snoda in un arco temporale che va dai primi anni del Novecento al 1951 e vede come protagonista il giovane Ugo Mutti, desideroso di sorprendere Adele, la cui famiglia gestisce un ristorante a Basilicanova, in provincia di Parma. In questo contesto la perseveranza si intreccia all’ingegno, dando così vita a una rappresentazione celebrativa del messaggio portante dell’intero progetto: “L’innovazione è come l’amore, vince chi non si arrende”. 

“La storia di Ugo Mutti, mio prozio, vuole rendere omaggio in modo originale a valori a noi molto cari, alla base del successo della nostra azienda: la perseveranza e la sua importanza nella missione più nobile, quella dell’innovazione per offrire la massima qualità possibile -dichiara Francesco Mutti, amministratore delegato di Mutti-. Questo spirito è ciò che da sempre ci contraddistingue: lavoriamo tutti i giorni per sovvertire i paradigmi di un settore da sempre ritenuto ‘tradizionale’, spingendoci verso la ricerca di nuovi prodotti o processi per perseguire questo scopo. Ne è un esempio Instafactory, la prima fabbrica mobile lanciata da Mutti per lavorare il pomodoro direttamente sul campo di raccolta, nel suo momento di perfetta maturazione. Questa propensione alla distintività attraversa tutta la storia della nostra azienda e, infatti, già 70 anni fa Ugo Mutti e il suo tubetto ne davano ampia testimonianza. In ultimo, colgo l’occasione per ringraziare Epik per averci aiutato a raccontare una storia così importante per la nostra azienda e per la mia famiglia”. 

“Come Epik vogliamo innanzitutto ringraziare Francesco Mutti e il suo team per aver avuto il coraggio di intraprendere questo percorso nell’intento di rafforzare ulteriormente il rapporto tra Mutti e il consumatore -spiega Massimo Costa, partner e ceo di Epik-. Si tratta di un cambiamento epocale per la comunicazione in Italia dove i valori della marca sono spesso gli stessi delle persone che la rappresentano. In una Nazione come la nostra fatta di grandi aziende familiari, le storie da raccontare sono molte e quindi i valori da rappresentare ancora di più. Grazie ancora a Mutti che ci ha permesso di essere orgogliosi di un prodotto cinematografico di alta qualità che pensiamo possa contribuire a cambiare la comunicazione nel nostro Paese”. 

Successivamente alla prima messa in onda, il cortometraggio sarà poi fruibile sul sito del Gruppo, sugli altri canali aziendali e verrà messo in onda negli altri Paesi del mondo in cui Mutti è presente, a partire dalla Francia dove verrà trasmesso dal 4 marzo.  

Ho scritto e condiviso questo articolo
Author: Red AdnkronosWebsite: http://ilcentrotirreno.it/Email: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.