Enogastronomia: Mipaaf, Ambasciatori del gusto e Renaia firmano intesa per la formazione
Il sito "il Centro Tirreno.it" utilizza cookie tecnici o assimiliati e cookie di profilazione di terze parti in forma aggregata a scopi pubblicitari e per rendere più agevole la navigazione, garantire la fruizione dei servizi, se vuoi saperne di più leggi l'informativa estesa, se decidi di continuare la navigazione consideriamo che accetti il loro uso.
10
Mer, Ago

Enogastronomia: Mipaaf, Ambasciatori del gusto e Renaia firmano intesa per la formazione

Lavoro
Typography
  • Smaller Small Medium Big Bigger
  • Default Helvetica Segoe Georgia Times

(Adnkronos) - Il ministero delle Politiche agricole, alimentari e forestali (Mipaaf), l’Associazione italiana Ambasciatori del gusto (AdG) e la Rete nazionale degli Istituti alberghieri (Re.Na.I.A.) si impegnano a collaborare per offrire

ai giovani studenti del settore agroalimentare ed enogastronomico italiano prospettive formative nuove e più concrete e promuovere le eccellenze del patrimonio enogastronomico italiano, anche in chiave innovativa e sostenibile. E’ stato siglato, infatti, dal ministro delle Politiche agricole, Stefano Patuanelli, dalla presidente degli Ambasciatori del gusto, Cristina Bowerman, e dal presidente di Re.Na.I.A., Luigi Valentini, un inedito protocollo d’intesa che ha tra le finalità la volontà di ampliare l’offerta formativa rivolta a studenti e corpo docente, stimolare una maggiore integrazione tra scuola e mondo del lavoro, realizzare attività di orientamento per i giovani in relazione alle prospettive occupazionali, sviluppare ulteriori percorsi educativi, integrando le attività già in essere e rafforzare la tutela e la valorizzazione dei prodotti agroalimentari italiani, promuovendo il legame indissolubile tra il mondo della cucina professionale e il comparto agricolo, alimentare e ittico italiano. 

Quella promossa con l’accordo è un’attenzione nuova verso il settore, giudicata essenziale e urgente in ottica di promozione del Sistema Paese. Lo sviluppo, la salvaguardia e la competitività del comparto agroalimentare ed enogastronomico passano inevitabilmente attraverso la formazione delle nuove generazioni. Contestualmente, questa intesa rappresenta uno stimolo concreto ad innovare gli strumenti formativi: a tale proposito, tra le iniziative che verranno promosse dalle parti, c’è la realizzazione di un ricco calendario di didattica digitale arricchito da quattro lezioni in presenza - la prima si svolgerà venerdì prossimo a Udine per proseguire poi nel corso dell’anno con Milano, Napoli e Altamura (BA) - curate dagli Ambasciatori del Gusto, trasmesse in streaming e rese accessibili a tutti gli studenti su scala nazionale. 

Grazie alle specifiche quanto necessarie competenze del ministero delle Politiche agricole, alla capillarità della Rete nazionale degli Istituti alberghieri e all’esperienza formativa, oltre che imprenditoriale, dell’Associazione Ambasciatori del gusto, la sinergia intende arricchire l’offerta di competenze tecnico professionali ma anche l’acquisizione di quelle abilità relazionali e manageriali divenute imprescindibili. 

“Con il protocollo firmato insieme agli Ambasciatori del gusto e alla Rete nazionale degli Istituti alberghieri, entra nel vivo il percorso di collaborazione con il mondo della ristorazione, avviato lo scorso ottobre al 'Tavolo della gastronomia italiana' per sviluppare il confronto sulle tematiche cruciali per il settore ristorativo ed indicare prospettive future di rilancio attraverso un dialogo concreto e continuativo tra mondo istituzionale e soggetti della filiera. Accrescere e perfezionare le competenze dei giovani e rafforzare le opportunità di inserimento nel mercato del lavoro rappresenta una sfida fondamentale per il futuro del nostro Paese. Il mondo della ristorazione deve tornare ad essere un campo attrattivo per i giovani che avranno un importantissimo compito: quello di diffondere la cultura, le tradizioni del nostro Paese e la dieta mediterranea in Italia e nel mondo”, sottolinea il ministro delle Politiche agricole alimentari e forestali, Stefano Patuanelli. 

“Gli Ambasciatori del gusto sono impegnati da sempre nella formazione. Abbiamo negli anni migliorato questa attività e sviluppato format specifici: 'Fare formazione', 'Fare formazione a distanza' e le 'Digital Weeks'. L’anno scorso il nostro progetto ha registrato 13 mila iscrizioni. È un dato importante, che conferma il valore dell’azione e la necessità di prestare attenzione alle nuove generazioni con una formazione che deve andare nella direzione dell’inclusione tra mondo del lavoro e mondo della scuola e che va ripensata insieme alle istituzioni, a conferma del ruolo economico, culturale e sociale che ricopre la figura dell’imprenditore del settore enogastronomico ed agroalimentare in Italia. Consapevoli della grande responsabilità che ci viene affidata, è per noi un grande onore, oltre che una gioia, continuare a far crescere questo progetto insieme al Mipaaf e a Re.Na.I.A.. Una sfida che affrontata insieme può essere vinta e di stimolo per tutti”, dichiara Gianluca De Cristofaro, responsabile tecnico scientifico e delle relazioni esterne e istituzionali degli Ambasciatori del gusto. 

“E’ un vero onore siglare questo accordo, frutto dell’intenso lavoro dell’Associazione italiana Ambasciatori del gusto che da sempre grazie alla sua pluriennale esperienza in ambito formativo rappresenta un enorme stimolo per tutti i ragazzi che studiano nei nostri Istituti. Ringrazio in modo particolare il ministro Patuanelli per aver scelto di abbracciare il nostro progetto. Per crescere, e crescere bene, abbiamo assolutamente bisogno del sostegno delle Istituzioni”, conclude Luigi Valentini, presidente di Re.Na.I.A. 

Ho scritto e condiviso questo articolo
Author: Red AdnkronosWebsite: http://ilcentrotirreno.it/Email: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.