Stirpe: 'Deve esserci equilibrio tra presenza e smart working, no integralismo'
Il sito "il Centro Tirreno.it" utilizza cookie tecnici o assimiliati e cookie di profilazione di terze parti in forma aggregata a scopi pubblicitari e per rendere più agevole la navigazione, garantire la fruizione dei servizi, se vuoi saperne di più leggi l'informativa estesa, se decidi di continuare la navigazione consideriamo che accetti il loro uso.
10
Mer, Ago

Stirpe: 'Deve esserci equilibrio tra presenza e smart working, no integralismo'

Lavoro
Typography
  • Smaller Small Medium Big Bigger
  • Default Helvetica Segoe Georgia Times

(Adnkronos) - "Lo smart working può essere la testa di ponte per passare da una valutazione della persone basata sulla quantità delle ore lavorate a una valutazione basata sulla qualità. L'unica perplessità che nutro

nei confronti dello smart working è che può venire meno il senso di squadra, e l'impresa funziona bene quando le componenti sono in relazione. E quindi credo che deve esserci un equilibrio anche nei settori in cui viene sviluppata al massimo tra il lavoro in presenza e lo smart working. Non si deve essere integralisti". Lo ha detto il vice presidente di Confindustria Maurizio Stirpe, intervenendo alla smart conference 'La Vita Agile', organizzata da MeglioQuesto e Lavoro&Welfare, in corso a Roma presso il Virtual Studio – Teatro Garbatella e in streaming sul sito de Il Sole 24 Ore.  

Il rapporto di adesione allo smart working deve essere volontario. Non ci sono dubbi. E lo smart deve riguardare uomini e donne nello stessa misura, se ci sono le condizioni e se appunto c'è l'adesione volontaria. LA cornice secondo me è l'accordo raggiunto a dicembre 2021 tra sindacati e organizzazioni d'impresa, che rende superfluo un intervento legislativo".  

Un intervento legislativo sullo smart working "lo sconsiglio vivamente, non ce n'è bisogno, e lo sconsiglio vivamente perchè significherebbe andare ad introdurre delle categorie ideologiche all'interno del protocollo che abbiamo sottoscritto a fine 2021 e che abbiamo tenuto in modo accorto al di fuori di esso".  

E per Stirpe "se c'è fiducia tra datore e lavoratore il diritto alla disconnessione è un falso problema. Se datore e lavoratore decidono di andare verso lo smart working si deve capire che c'è un cambio culturale, ma anche un nuovo rapporto personale e professionale", conclude.  

 

Ho scritto e condiviso questo articolo
Author: Red AdnkronosWebsite: http://ilcentrotirreno.it/Email: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.