Scuola, Pacifico (Anief): "Concorsi non sono terno a lotto, segnalazioni al vaglio ufficio legale"
Il sito "il Centro Tirreno.it" utilizza cookie tecnici o assimiliati e cookie di profilazione di terze parti in forma aggregata a scopi pubblicitari e per rendere più agevole la navigazione, garantire la fruizione dei servizi, se vuoi saperne di più leggi l'informativa estesa, se decidi di continuare la navigazione consideriamo che accetti il loro uso.
10
Mer, Ago

Scuola, Pacifico (Anief): "Concorsi non sono terno a lotto, segnalazioni al vaglio ufficio legale"

Lavoro
Typography
  • Smaller Small Medium Big Bigger
  • Default Helvetica Segoe Georgia Times

(Adnkronos) - "I concorsi non sono un terno a lotto". Lo dice in un'intervista all'Adnkronos/Labitalia Marcello Pacifico, presidente nazionale Anief, commentando l'altissimo numero di respinti dopo le prime prove scritte del concorso ordinario

della scuola secondaria. 

"Dalle prime segnalazioni che ci sono arrivate - spiega - abbiamo notato delle risposte ambigue. Nella risposta multipla ci sono delle regole che impongono di mettere una risposta esatta, una palesemente falsa e due risposte verosimili. Ebbene, in alcuni casi abbiamo riscontrato che questa regola basilare dei test non è stata rispettata. Inoltre, in alcuni casi, in base agli argomenti previsti nel bando, non sono stati sviluppati i quesiti su quelle materie".  

"Tutte queste segnalazioni - rimarca Pacifico - sono al vaglio dell'Ufficio legale di Anief; abbiamo infatti aperto delle preadesioni gratuite per andare a contestare tutte queste illegittimità e ottenere la vittoria dei ricorsi presentati che, in una prima fase, mirano attraverso ordinanze cautelari a chiedere al tribunale amministrativo la possibilità per i ricorrenti di poter affrontare le prove successive con riserva del giudizio di merito e, in caso di rigetto, comunque chiedere delle prove suppletive per poter partecipare a queste prove". 

"In ogni caso - afferma il leader sindacale - questo concorso ordinario, così come quello straordinario che si svolgerà entro il 15 giugno, non possono rappresentare la soluzione per affrontare il tema del precariato, neanche il tema per scegliere i migliori o i precari che lavorano nelle nostre scuole. Al tavolo del reclutamento che il ministro deve attivare nei prossimi mesi come Anief abbiamo richieste ben precise, ma anche semplici".  

"Noi - rimarca - vogliamo che la domanda si incontri con l'offerta e quindi si vadano a reclutare, come è stato fatto negli anni passati, gli insegnanti da quelle stesse graduatorie da cui sono chiamati per le supplenze, cioè si utilizzi un doppio canale di reclutamento per il 50% delle graduatorie di merito dei concorsi e per l'altro 50% dalle graduatorie per le supplenze e nel caso specifico in cui non si abbia l'abilitazione con una riserva che si consegue il titolo durante l'anno di prova con corsi organizzati dagli atenei". 

"Per quanto riguarda i futuri concorsi a cattedra - avverte - però dobbiamo uscire da questa logica delle crocette, i quiz devono essere fatti in maniera corretta e devono andare a valutare le conoscenze e le competenze dei contenuto delle materie da parte dei candidati e non rappresentare un terno a lotto come sta avvenendo in questi giorni".  

 

 

Ho scritto e condiviso questo articolo
Author: Red AdnkronosWebsite: http://ilcentrotirreno.it/Email: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.