Giordano (Inl): "Lavoro irregolare è rapina a Stato e a tutti noi"
Il sito "il Centro Tirreno.it" utilizza cookie tecnici o assimiliati e cookie di profilazione di terze parti in forma aggregata a scopi pubblicitari e per rendere più agevole la navigazione, garantire la fruizione dei servizi, se vuoi saperne di più leggi l'informativa estesa, se decidi di continuare la navigazione consideriamo che accetti il loro uso.
04
Dom, Dic

Giordano (Inl): "Lavoro irregolare è rapina a Stato e a tutti noi"

Lavoro
Typography
  • Smaller Small Medium Big Bigger
  • Default Helvetica Segoe Georgia Times

(Adnkronos) - "Quando c'è un lavoro irregolare, in nero, avviene una vera e propria rapina allo Stato, ma si sottraggono enormi risorse anche a tutti noi. Non dimentichiamo che l'emergenza sanitaria è probabilmente finita ma non

è finita quella lavorativa. Sono cambiati i termini tra occupazione e disoccupazione. Ci sono tante nuove disuguaglianze, il Sud è sempre più Sud, mentre il Nord presenta delle caratteristiche diverse. La pandemia ha creato più necessità di lavoro domestico e famigliare e ha modificato anche la 'geografia' familiare". Lo ha detto il direttore dell'Inl, Bruno Giordano, parlando dal palco del Festival del lavoro a Bologna.  

E secondo Giordano "sul decreto legge di 48 ore fa che ha aperto i flussi e ha autorizzato l'asseverazione da parte delle associazioni di categoria per accelerare nell'arco di 30 giorni l'ingresso di chi vuole venire a lavorare nel nostro Paese. Dobbiamo cercare immediatamente di dare risposta alle imprese per l'incrocio di domanda e offerta, ma con attenzione, no al lavoro a tutti costi", ha concluso.  

Ho scritto e condiviso questo articolo
Author: Red AdnkronosWebsite: http://ilcentrotirreno.it/Email: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.