Loy (Civ Inail): "Trend infortuni preoccupa nonostante passi avanti in alcuni settori"
Il sito "il Centro Tirreno.it" utilizza cookie tecnici o assimiliati e cookie di profilazione di terze parti in forma aggregata a scopi pubblicitari e per rendere più agevole la navigazione, garantire la fruizione dei servizi, se vuoi saperne di più leggi l'informativa estesa, se decidi di continuare la navigazione consideriamo che accetti il loro uso.
04
Dom, Dic

Loy (Civ Inail): "Trend infortuni preoccupa nonostante passi avanti in alcuni settori"

Lavoro
Typography
  • Smaller Small Medium Big Bigger
  • Default Helvetica Segoe Georgia Times

(Adnkronos) - "Il problema non solo dei morti sul lavoro ma in generale degli infortuni, con questo trend che non accenna a crescere, anzi gli ultimi dati parlano di 600mila infortuni. E questo è grave nonostante i passi in avanti,

più in alcuni settori produttivi rispetto ad altri. Il grosso problema sono le piccole e piccolissime imprese che in cui la cultura della sicurezza, gli interventi sulla prevenzione, l'innovazione tecnologica sono più scarsi e fragili e quindi l'illegalità del lavoro è più diffusa e che sono il terreno in cui cresce il non rispetto delle regole sugli infortuni e della prevenzione". Così Guglielmo Loy, presidente del Civ Inail, conversando a margine del congresso nazionale della Uiltec con Adnkronos/Labitalia.  

Per cercare di frenare gli infortuni sul lavoro servono alcuni "interventi: un primo di tipo culturale, agendo nelle scuole, parti sociali e Inail per promuovere la cultura della sicurezza sul lavoro. Secondo: migliorare quantitativamente e qualitativamente i controlli. Ci sono pochi ispettori, hanno pochi strumenti e averne di più è un deterrente a che le imprese ci pensino due volte prima di non rispettare appieno le norme. Terzo sulla prevenzione più formazione per i lavoratori e per i datori di lavoro. Quarto informazione di carattere più ampio, generale in modo tale che chi va a lavorare anche con contratti flessibili sia già in parte cosciente dell'attenzione che deve dimostrare e dall'altra parte l'azienda metterlo in condizioni di formarsi su questo", ha sottolineato Loy.  

Ho scritto e condiviso questo articolo
Author: Red AdnkronosWebsite: http://ilcentrotirreno.it/Email: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.