Il sito "il Centro Tirreno.it" utilizza cookie tecnici o assimiliati e cookie di profilazione di terze parti in forma aggregata a scopi pubblicitari e per rendere più agevole la navigazione, garantire la fruizione dei servizi, se vuoi saperne di più leggi l'informativa estesa, se decidi di continuare la navigazione consideriamo che accetti il loro uso.
16
Mar, Ott

Abbiamo 107 visitatori e nessun utente online

Annunci AdSense
home-1-ads-ct-tda-002
Annunci AdSense
article-top-ads-ct-art-001

Florida, sparatoria nel liceo di Parkland, 17 morti. Arrestato un ex studente

Florida, sparatoria in una scuola

Mondo
Typography
  • Smaller Small Medium Big Bigger
  • Default Helvetica Segoe Georgia Times

Autore della sparatoria è un 19enne amante delle armi

Florida, sparatoria nel liceo di Parkland, 17 morti. Arrestato un ex studente
Florida, sparatoria nel liceo di Parkland, 17 morti. Arrestato un ex studente

 

(ANSA). WASHINGTON, 15 FEB -  Paura e terrore in una scuola superiore della Florida: diciassette persone sono morte e almeno 14 sono rimaste ferite in una sparatoria in un istituto di Parkland. Preso l'autore, Nikolas Cruz, un 19enne descritto come "ragazzo difficile", ex studente espulso dalla stessa scuola. Forse questo il movente della strage, hanno spiegato le autorità.

Negli Stati Uniti è la diciannovesima sparatoria solo da inizio 2018.

Nel liceo di Parkland e' stata soprattutto una strage di studenti. Cruz è stato incriminato con 17 capi d'accusa per omicidio premeditato dopo essere stato interrogato per ore.

Trump chiede un cambio di cultura, ma tace sulle armi I media locali comunque citano fonti secondo cui tra i morti - oltre ad una insegnante eroina che ha riparato con il suo corpo alcuni studenti - ci sarebbe anche uno degli allenatori della squadra di football della scuola, mentre tra i feriti ci sarebbe il figlio del vicesceriffo della contea.

L'enorme campus della Marjory Stoneman Douglas High School di Parkland conta fino a 3.000 studenti. I giovani con le mani alzate hanno lasciato gli edifici scortati dalle forze dell'ordine intervenute in maniera massiccia.

Alcuni testimoni hanno riferito che l'aggressore aveva aperto il fuoco mentre indossava una maschera a gas. Il giovane killer ha sparato con un fucile d'assalto simile all'AR-15 e portava con sé diverse munizioni.

Nikolas Cruz appare in vari post su Instagram con delle armi in mano tra cui varie pistole e coltelli. E in cui descrive l'atto dello sparare come "una terapia". Gli investigatori parlano di immagini e frasi "inquietanti", tra cui alcune in cui prende in giro i musulmani. In quasi tutte le foto il giovane indossa una maglietta nera e una sciarpa che copre parte del suo viso per celare l'identità. "Qualunque cosa postava era sulle armi. E' malato", racconta un suo ex compagno di classe, mentre altri affermano che Nikolas veniva a scuola sempre armato.

"Così tanti segnali che l'assassino della Florida era mentalmente disturbato, perfino espulso dalla scuola per condotta cattiva e incostante. I suoi vicini ed i suoi compagni di classe sapevano che era un grande problema. Bisogna segnalare sempre questi casi alle autorità, continuamente!: così il presidente degli Stati Uniti Donald Trump in un tweet.

Trump, cambiare cultura. Ma tace su armi - "Bisogna lavorare insieme per cambiare la cultura americana per abbracciare la vita, costruire rapporti": lo ha detto Donald Trump parlando alla nazione in diretta tv dopo la strage nella scuola in Florida senza mai toccare il tema della vendita o dell'accesso facile alle armi.

"Così tanti segnali che l'assassino della Florida era mentalmente disturbato, perfino espulso dalla scuola per condotta cattiva e incostante. I suoi vicini ed i suoi compagni di classe sapevano che era un grande problema. Bisogna segnalare sempre questi casi alle autorità, continuamente!: ha scritto in un tweet il pèresidente Usa.

L'ultimo bilancio targato Trump ha tagliato milioni di dollari destinati al sistema di controllo delle armi da fuoco (il Gun Background Check System): una decisione che rischia di "minare in maniera significativa" gli sforzi per tenere fucili e pistole lontani da mani pericolose. E' la denuncia delle associazioni che lottano contro la diffusione delle armi da fuoco che - dati alla mano - spiegano come i due programmi federali tesi a rafforzare i background check per verificare se chi acquista armi e' malato o ha precedenti penali hanno subito un taglio delle risorse del 16%: queste sono passate da 73 milioni di dollari a 61 milioni di dollari. (ANSA)

Red
Author: RedWebsite: https://ilcentrotirreno.itEmail: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.
News: Italia, Estero, Politica, Arte e Cultura, Eventi, Sport, Salute, Tecnologia, Amici Estero

Annunci AdSense
article-botton-ads-ct-art-002
il Centro Tirreno - Quotidiano online
Meteo
Annunci AdSense
sidebar-ads-ct-tda-004
Annunci AdSense
sidebar-ads-ct-tda-005
Annunci AdSense
sidebar-ads-ct-tda-015

Seguci anche su Facebook

il Centro Tirreno - Quotidiano online
News e approfondimenti
Ti potrebbero interessare anche:
home-2-ads-ct-cca-001