Lite Annunziata-Roccella, Associazione Utenti tv fa esposto ad Agcom
Il sito "il Centro Tirreno.it" utilizza cookie tecnici o assimiliati e cookie di profilazione di terze parti in forma aggregata a scopi pubblicitari e per rendere più agevole la navigazione, garantire la fruizione dei servizi, se vuoi saperne di più leggi l'informativa estesa, se decidi di continuare la navigazione consideriamo che accetti il loro uso.
24
Lun, Giu

Lite Annunziata-Roccella, Associazione Utenti tv fa esposto ad Agcom

Politica
Typography
  • Smaller Small Medium Big Bigger
  • Default Helvetica Segoe Georgia Times

(Adnkronos) - Dopo lo scambio tra Lucia Annunziata e la ministra per le Pari Opportunità e la Famiglia Eugenia Roccella nel corso dell’ultima puntata di 'Mezz'Ora in Più' su Rai3, l’Associazione Utenti dei servizi Radiotelevisivi interviene annunciando un esposto all’Autorità per le comunicazioni e una

alternate text

 

richiesta di incontro al CdA della Rai. "In un programma di informazione della rete pubblica, dove sono presenti ospiti istituzionali e rappresentanti di Governo e Parlamento, non è tollerabile l’utilizzo di linguaggi scurrili", spiega l’Associazione all'Adnkronos. E sottolinea: "I termini utilizzati da Lucia Annunziata nel suo sfogo sono forse più adatti a trasmissioni trash come il 'Grande Fratello', e oltre ad essere inopportuni potrebbero rappresentare una violazione delle norme che regolano il servizio pubblico radiotelevisivo". 

Per tale motivo l’Associazione Utenti dei servizi Radiotelevisivi ha deciso di presentare una segnalazione all’Agcom, chiedendo di aprire una indagine sull’episodio "e verificare se l’utilizzo di parolacce durante un programma di informazione Rai possa rappresentare una violazione della normativa in materia", spiega. "L’associazione inoltre, anche a seguito dei gravi casi di Sanremo su cui indagano Agcom e Procura, ha chiesto ai componenti del CdA Rai un incontro urgente". 

Ho scritto e condiviso questo articolo
Author: Red AdnkronosWebsite: http://ilcentrotirreno.it/Email: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.