Parte corsa al voto. Grandi manovre su intesa +Europa-Pd
Il sito "il Centro Tirreno.it" utilizza cookie tecnici o assimiliati e cookie di profilazione di terze parti in forma aggregata a scopi pubblicitari e per rendere più agevole la navigazione, garantire la fruizione dei servizi, se vuoi saperne di più leggi l'informativa estesa, se decidi di continuare la navigazione consideriamo che accetti il loro uso.
19
Mer, Giu
Annunci AdSense
home-1-ads-ct-tda-002
Annunci AdSense
article-top-ads-ct-art-001

Parte corsa al voto. Grandi manovre su intesa +Europa-Pd

Parte corsa al voto. Grandi manovre su intesa +Europa-Pd

Politica
Typography
  • Smaller Small Medium Big Bigger
  • Default Helvetica Segoe Georgia Times

Democratici: sostegno a Bonino per raccolta firme. Renzi punta sul lavoro

Parte corsa al voto. Grandi manovre su intesa +Europa-Pd
Parte corsa al voto. Grandi manovre su intesa +Europa-Pd

Con l'arrivo del nuovo anno, parte la corsa verso il 4 marzo. Tuttavia, la data del voto è l'unica certezza in un panorama politico pieno di incognite. Archiviata la diciassettesima legislatura, ormai le forze politiche sono pronte a lanciarsi nella campagna elettorale il cui esito appare decisamente incerto, a partire dal fatto che si voterà con una nuova legge elettorale, il controverso Rosatellum bis. Non è nemmeno chiaro, al momento, se ci sarà un election day, o se i cittadini di Lazio, Lombardia, Molise e Friuli Venezia-Giulia sceglieranno i loro governatori nei mesi successivi.

Ad ogni modo, l'incertezza più evidente riguarda gli effetti della nuova legge elettorale: sin dalla sua approvazione, tanti osservatori fecero notare che un sistema per due terzi proporzionale e solo un terzo maggioritario, senza il voto disgiunto, rischia di non produrre maggioranze chiare. Tanto che c'è chi preannuncia uno scenario 'spagnolo', ovvero un repentino ritorno alle urne, magari a giugno. Anche se è difficile che i neo-parlamentari vogliano con leggerezza correre il rischio di perdere un seggio appena conquistato.

Il Pd, dato negli ultimi tempi in calo nei sondaggi, spera in una grande ripresa, facendo leva soprattutto sui risultati degli ultimi governi. I dem affidano le loro speranze di rilancio alla tenuta dell'elettorato vicino al segretario Matteo Renzi e, forse spinti dalle parole di Mattarella, sembrano puntare decisamente sulla lotta alla disoccupazione. L'obiettivo è semplice: avvicinarsi più possibile alla fatidica quota 40%, sostenendo che quello al Pd è l'unico voto utile per battere i populismo del centrodestra e quello di Grillo.

Ma intanto a sinistra sono in corso grandi manovre per costruire l'intesa con +Europa. La Bonino e i suoi compagni di viaggio oggi hanno lanciato il grido di allarme: siamo costretti a correre da soli. "Al momento è l'unica via", hanno spiegato i promotori lanciando, in settimana, la raccolta firme e puntando il dito contro il Viminale accusato di "interpretazione surreale della legge elettorale". Ma in serata è intervento il vicesegretario del Pd Maurizio Martina per lanciare una ciambella di salvataggio che conferma l'interesse dei Dem a non perdere i voti della galassia Bonino. "Per il Pd le porte della collaborazione con la lista +Europa sono sempre aperte e siamo pronti anche alla leale collaborazione organizzativa, garantendo il nostro lavoro per la raccolta delle firme necessarie per ogni circoscrizione". Solo il voto dirà poi se la lista 'ulivista' di Riccardo Nencini e Angelo Bonelli riuscirà a frenare il flusso verso Liberi e Uguali, che punta a un risultato a due cifre. (ANSA)

Red
Author: RedWebsite: https://ilcentrotirreno.itEmail: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.
News: Italia, Estero, Politica, Arte e Cultura, Eventi, Sport, Salute, Tecnologia, Amici Estero

Annunci AdSense
article-botton-ads-ct-art-002
Ti potrebbero interessare anche:
article-top-ads-ct-cca-002
Annunci AdSense
sidebar-ads-ct-tda-003

Seguici anche su Facebook